Il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani nella bufera per il suo elogio a Benito Mussolini. La dichiarazione incriminata durante l’intervista di Giuseppe Cruciani a “La Zanzara” su Radio 24: “Fino a quando non ha dichiarato guerra al mondo intero seguendo Hitler, fino a quando non si è fatto promotore delle leggi razziali, Mussolini ha fatto delle cose positive per realizzare infrastrutture nel nostro paese o come nel caso delle bonifiche”. Contro Tajani, tra gli altri, Prodi e i 5 Stelle. All’attacco l’Anpi: “Vada a dire quelle cose in Etiopia”. Il vice presidente di Forza Italia replica subito su Twitter: “Si vergogni chi strumentalizza le mie parole sul fascismo! Non permetto a nessuno di insinuare il contrario”. Poi arrivano le scuse ufficiali: “Sono profondamente dispiaciuto, sono un convinto antifascista. Non intendevano in alcun modo giustificare o banalizzare un regime anti-democratico e totalitario”.

CONDIVIDI