Botta e risposta tra Matteo Salvini e alcuni contestatori durante un comizio a Melfi, in vista delle elezioni regionali in Basilicata il 24 marzo. “Aggiornatevi, aggiornatevi siete vecchi! Non disturbate me, ma quelli che sono qui ad ascoltare. State zitti oppure andate da un’altra parte. Madonna che noia.. ‘Populista, fascista, sovranista’ ….. sono orgogliosamente italiano… “, replica dal palco il ministro mentre qualcuno gli gridava ‘fascista’. Cantieri – Durante l’intervento il vicepremier affronta il tema cantieri. “Sbloccare i cantieri fermi sì perché crea lavoro, ma occorre rilanciare anche l’edilizia privata”. Il caso di Vercelli – Riferendosi poi “al papà” di origine marocchina “che ha tentato di investire la figlia di 20 anni perché si vestiva troppo all’occidentale”, Salvini dice: “Se pensi che si debba tornare indietro e le donne non possano mettere la minigonna, torna al tuo Paese. Così funziona un Paese civile”.  Diciotti – Da Lavello (Potenza) il ministro torna anche sul caso Diciotti.  “Mercoledì sarò in Senato perché deciderà se devo essere processato per sequestro di persona, rischio fino a 15 anni perché ho bloccato lo sbarco. Sono orgoglioso di quello che ho fatto, se sarò processato per aver difeso i nostri confini ne sarò orgoglioso, lo rifarò”. 

CONDIVIDI