parte-la-‘resistenza’-al-prosek:-bar-e-ristoranti-pronti-a-servire-solo-prosecco-vero

VENEZIA – Parte la ‘resistenza’ al Prosek: i bar e i ristoranti italiani sono pronti a schierarsi in difesa del Made in Italy e dei prodotti di qualità “contro quello che vuole essere a tutti gli effetti un tentativo di sdoganare l’italian sounding anche in Europa”. La Fipe-Confcommercio, Federazione italiana dei pubblici esercizi, si dice infatti “pronta a sostenere il governo e le associazioni di categoria, nella battaglia contro il riconoscimento del Prosek croato da parte dell’Unione europea, che metterebbe in difficoltà il variegato mondo imprenditoriale e agricolo che ruota attorno al Prosecco Doc italiano”.

Il Prosecco “è un’eccellenza del nostro Paese e qualifica lo stile di vita italiano al pari del caffè espresso e degli spaghetti- sottolinea Giancarlo Deidda, presidente di Fuoricas@, Fipe-Confcommercio- uno stile di vita che si sublima nei 350.000 locali italiani, dove la sapienza di migliaia di lavoratori, bartender e sommelier, consente di somministrare il prosecco alla giusta temperatura e nelle giuste modalità. Noi siamo il terminale ultimo di una filiera agroalimentare che produce, distribuisce e infine somministra uno spumante di qualità eccellente e come tali siamo pronti a fare la nostra parte in questa battaglia”. Delle oltre 378 milioni di bottiglie prodotte nel 2019, 108 milioni sono state destinate al mercato italiano e di queste il 32% è stato servito nei pubblici esercizi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it