Intervista del Presidente dell’Associazione Nazionale Commercialisti a Radio Kiss Kiss e Gr news 24

FIRENZE – “I commercialisti italiani chiedono di essere coinvolti nella stesura della riforma fiscale che il governo Draghi sta pensando di attuare grazie al contributo che l’Europa ci offre con i fondi per il Pnrr. Per non vanificare un’occasione più unica che rara l’Associazione nazionale commercialisti cerca di avere un confronto con le istituzioni e la politica per capire quali siano le migliori soluzioni da adottare nell’interesse dei cittadini italiani, di noi professionisti e dello Stato. Lavoriamo instancabilmente per raggiungere quell’unità che ci consenta di essere interlocutori forti, concentrandoci sui problemi di categoria”.

Queste le parole di Marco Cuchel, presidente dell’Associazione nazionale commercialisti, nel corso del Convegno nazionale “Riforme essenziali per il futuro del Paese con il contributo imprescindibile dei commercialisti” organizzato dall’Anc.-

“Riforma fiscale e tributaria, decreto legge malattia, diritto all’equo compenso, una regolamentazione del mercato delle professioni evidenziando le anomalie, revisione del sistema delle sanzioni dirette che vanno a colpire i nostri patrimoni. Sono problemi concreti per i quali esigiamo soluzioni concrete che portino a un cambiamento reale – ha concluso il numero uno di Anc”.