in-scena-al-tram-di-napoli-‘gaetano,-favola-anarchica”:-la-storia-del-rivoluzionario-che-uccise-re-umberto-i

NAPOLI – “Non ho ucciso Umberto. Ho ucciso il Re. Ho ucciso un principio”: questa la frase cardine intorno alla quale ruota interamente il nuovo spettacolo del Teatro Tram di Napoli “Gaetano, Favola anarchica”, in scena da giovedì 13 a domenica 16 gennaio.

Il testo di Riccardo Pisani (che firma anche la regia) collega un brutale evento del Novecento, come l’assassinio di Umberto I per mano dell’anarchico Gaetano Bresci, a una fiaba di Gianni Rodari dal titolo “A toccare il naso del re”.

Nei panni del rivoluzionario ci sarà Nello Provenzano, a raccontare la sua infanzia e la passione per la politica, tanto forte da portarlo a compiere un gesto così estremo. Nella narrazione però, come già anticipato, si inseriscono anche elementi fiabeschi: toccare i nasi dei grandi prima, e dei potenti dopo, diventa il “piccolo atto rivoluzionario” attraverso il quale Gaetano, ancora giovanissimo, sente di poter annullare ogni distinzione di classe.

“C’è chi sceglie di passare alla storia e chi sceglie di rimanere polvere – spiega l’autore e regista Riccardo Pisani -. Gaetano Bresci per me è il simbolo dell’uomo che sceglie di agire facendosi carico delle sofferenze altrui e accettando con limpida consapevolezza le conseguenze del suo gesto”.

L’alternanza tra il linguaggio favolistico e quello più duro duro e straripante tipico del fervore politico, saranno sottolineati in scena dalla musica di Lenny Pacelli, che avrà il compito di scandire il “tempo reale”, in netto contrasto con l’assenza di suono e la sospensione del “tempo onirico”.

BIGLIETTI

intero € 13,00ridotto € 10,00 (under 26 e over 65)Card 3 spettacoli a scelta: € 27

ORARI SPETTACOLI

Giovedì ore 20.00Venerdì ore 20.00Sabato ore 19.00Domenica ore 18.00

INFO E PRENOTAZIONI

cell. 342 1785 930tel. 081 1875 2126email tram.biglietteria@gmail.com

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it