“Da giornalista di mestiere, in aspettativa non retribuita, provo a difendere la libertà di parola di tutti, anche di Radio Radicale, che ha accumulato un patrimonio culturale, di archivio e di esperienza che è un peccato cancellare con un tratto di penna”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a margine di una conferenza stampa a Roma. “Ci sono spazi di recupero economico sulla tv pubblica, con cui si pagherebbero metà delle radio italiane”, ha aggiunto il vicepremier.

CONDIVIDI