Aumenta lievemente l’occupazione nel primo trimestre 2019 rispetto a quello precedente ( 0,1%), in un contesto di calo della disoccupazione e dell’inattività. Lo rende noto l’Istat. Gli occupati stimati, pari a 23 milioni 230 mila persone al netto degli effetti stagionali, sono in aumento rispetto al trimestre precedente di 25mila unità: la crescita riguarda il Centro e soprattutto il Nord ( 0,1% e 0,4%, rispettivamente) a fronte di un calo nel Mezzogiorno (-0,3%).

Il tasso di occupazione si porta al 58,7% ( 0,1 punti) nel primo trimestre. Il dato è sintesi dell’aumento per le donne ( 0,3 punti) e della stabilità per gli uomini. Alla crescita del Nord ( 0,4 punti) si contrappone la diminuzione nel Centro e nel Mezzogiorno (-0,1 punti in entrambi i casi).

Il tasso di disoccupazione, dopo la crescita dello scorso trimestre, diminuisce nei primi tre mesi del 2019 portandosi al 10,4% (-0,2 punti rispetto all’ultimo quarto del 2018). Il tasso di inattività rimane stabile al 34,3% in tre mesi.

L’aumento del numero di occupati rilevato nel primo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti, pari a uno 0,1%, è il risultato della crescita dei dipendenti permanenti ( 47 mila, 0,3%) e degli indipendenti ( 7 mila, 0,1%) a fronte di una flessione dei dipendenti a termine (-29 mila, -1,0%). 

CONDIVIDI