L’opinione di Iunio Valerio Romano. “Si deve intervenire nelle verifiche e nei controlli e bisogna rendere più efficace quella che chiamiamo la politica sanzionatoria. Non soltanto con l’inasprimento delle sanzioni ma rendendo più efficaci i provvedimenti di interdizione, come si è fatto con il decreto legge 146, andando quindi ad efficientare il provvedimento di sospensione dell’attività dell’imprenditore che esce fuori dal perimetro di legge. L’istituzione di una Procura nazionale contro gli infortuni sul lavoro che abbia funzione di coordinamento delle indagini , tra i diversi soggetti che si occupano di vigilare sul rispetto delle leggi nei procedimenti per i reati in materia di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro consentirebbe di garantire una migliore risposta di giustizia, come chiedono i cittadini. La proposta di legge, di cui son primo firmatario, ha cominciato il suo iter nelle commissioni Lavoro e Giustizia del Senato. Dobbiamo lavorare affinchè si possa rendere le tutele apprestate più sostanziali che formali”.