La posizione di Andrea De Bertoldi (Fratelli d’Italia).

“Ritengo che se l’obiettivo di un referendum è quello di registrare una grande partecipazione da parte dei cittadini occorre proporre temi popolari di assoluto interesse collettivo. Credo, infatti, che se fosse stato ammesso dalla Corte Costituzionale il quesito sulla responsabilità civile dei magistrati avremmo commentato risultati notevolmente diversi. A questo va certamente aggiunto il tema dell’informazione sui temi referendari, dove risulta evidente che in questa occasione sia stata messa la museruola a una serie di messaggi che dovevano arrivare ai cittadini per sensibilizzarli sull’importanza dei quesiti. Purtroppo non è la prima volta che lo Stato sperpera tempo e danaro senza poi raggiungere nessun risultato utile. Un lusso che davvero non possiamo permetterci di questi tempi. Una soluzione al problema potrebbe essere l’eliminazione del quorum perché in questo modo nessuno potrà più puntare sull’astensionismo e tutti s’impegnerebbero a promuovere le ragioni della propria posizione”.