tg-politico-parlamentare,-edizione-del-28-giugno-2022

DRAGHI: “UE ACCELERA SUL TETTO AL PREZZO DEL GAS”

C’è l’impegno del G7 a mettere un tetto al prezzo del petrolio russo, ma si continuerà a lavorare anche al price cap sul gas. Ad Elmau, in Baviera, il presidente del ConsiglioMario Draghi spera che un accordo possa arrivare prima di ottobre e accoglie con favore l’intenzione della Commissione europea di accelerare sul tetto al prezzo del metano. Le sanzioni alla Russia, aggiunge il presidente del Consiglio, servono per costringere il Cremlino a tornare al tavolo del negoziato. Sulla presenza di Putin al prossimo G20, Draghi è categorico: “Non verrà, forse ci sarà un intervento da remoto”. Nelle dichiarazioni finali del G7 si invita la Russia a mettere fine senza condizioni al blocco dei porti ucraini sul Mar Nero. Il G7 sostiene gli sforzi delle Nazioni Unite per garantire un corridoio marittimo sicuro e favorire così l’export di grano.

GRILLO: “INTESA CON CONTE, M5S RESTA AL GOVERNO”

Beppe Grillo prova a compattare il Movimento 5 stelle dopo lo strappo di Di Maio: “Io e Giuseppe Conte andiamo perfettamente d’accordo”, assicura a margine degli incontri che ha avuto alla Camera con i deputati pentastellati. Il fondatore garantisce che il Movimento resterà al governo, senza però escludere un appoggio esterno in futuro. Restano le tensioni sulla regola del doppio mandato. Acque agitate anche nel centrodestra. La sconfitta a Verona brucia ancora e nelle prossime ore Salvini, Meloni e Berlusconi si incontreranno. Il leader del Pd, Enrico Letta, invece, si gode il risultato del centrosinistra alle amministrative e – intervistato da La Stampa – lancia il modello Ulivo per unire il campo largo. L’agenda sociale, sottolinea, deve andare avanti: lotta alla precarietà, lavoro per i giovani, salario minimo, riduzione delle tasse sul lavoro.

RISCHIO AUMENTO PREZZI DELL’RC AUTO

Negli ultimi dieci anni il prezzo della polizza assicurativa sull’auto è diminuito del 38%: oggi il costo medio è di 353 euro. L’impennata dell’inflazione, però, incidendo in modo sensibile sui prezzi delle riparazioni e dei ricambi, rischia di interrompere questo processo. Luigi Federico Signorini, presidente dell’Ivass, l’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni, invita a tenere alta la guardia. La situazione patrimoniale delle compagnie è solida, ma il rialzo dei tassi e degli spread ha un impatto diretto sul settore. Signorini ha proposto al governo di trasformare l’Ivass in un ente della Banca d’Italia: se la politica darà il via libera occorrerà il parere della Banca centrale europea.

GIOVEDÌ SCATTANO LE SANZIONI PER NEGOZI SENZA POS

Il 30 giugno scattano le sanzioni per commercianti e professionisti che rifiutano i pagamenti con il bancomat. L’obbligo, fissato nel 2012, dopo una serie di rinvii è stato attuato dal decreto sul Recovery. Ogni transazione via Pos negata al cliente potrà essere punita con 30 euro, più il 4% del valore della transazione stessa. Secondo Confesercenti, le multe per le piccole imprese, che hanno margini di guadagno molto bassi, rappresentano un accanimento. L’associazione dei commercianti stima aggravi fino a mille euro per gli esercenti e propone l’azzeramento delle commissioni fino a 50 euro, oltre alla promozione dei pagamenti tecnologicamente più evoluti come quelli con il cellulare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it