vitri-(pd):-“le-marche-rischiano-di-perdere-altre-guardie-mediche”

ANCONA – “Si rischiano altre perdite di guardie mediche per i ritardi della Regione”. È la denuncia della consigliera regionale Micaela Vitri (Pd) che da mesi lamenta la carenza cronica di medici da assegnare al servizio di guardia medica. Proprio per rispondere a tale carenza lo scorso marzo la Regione siglò un accordo con i medici di continuità assistenziale che prevedeva un trattamento integrativo. “Saltamartini mi ha garantito che finalmente nel mese di luglio sarà erogato il contributo dell’accordo integrativo regionale in busta paga- continua Vitri-. Tuttavia occorre rilevare che, esattamente quindici mesi dopo la prima richiesta di siglare l’accordo integrativo regionale, i nostri medici di continuità assistenziale non hanno ancora avuto ciò che spetta loro, come diversamente in altre regioni. La situazione resta preoccupante per il rischio di dimissioni e la conseguente riduzione dei turni”.L’accordo prevede un aumento retributivo fino a 40 euro l’ora. “Apprendere che a tutt’oggi non è stato ancora corrisposto un euro ai medici di continuità assistenziale preoccupa e indigna, perché rappresenta l’indifferenza e l’incapacità di una giunta regionale che non mantiene quello che promette- conclude Vitri-. Inoltre la situazione genera sconcerto e sfiducia perché molti medici, per sopperire alle carenze di personale, hanno lavorato il doppio in questi mesi senza vedersi riconosciuto l’impegno professionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it