“sembra-il-programma-del-pd”.-i-sospetti-della-lega-sul-discorso-di-draghi-in-senato

ROMA – Un Draghi “politico” a Palazzo Madama, con il premier che snocciola in Aula quello che ad alcuni leghisti è sembrato il programma del Pd, con il ‘nonno al servizio delle istituzioni’ che scopre il popolo e invoca continuamente il volere degli italiani. “Ma vuoi vedere che questa è un’operazione politica contro il centrodestra e usciamo da qui con un candidato di centro-centrosinistra?”, ragionano in Transatlantico alcuni leghisti. Dopo il discorso del premier al Senato non è più scontata la fiducia al governo Draghi da parte della Lega.

LEGGI ANCHE: Letta e Renzi: “Sì convinto alla fiducia. Lega “stupita” dalle parole di Draghi sul fisco. Meloni: “Vuole pieni poteri”

LE PAROLE DI DRAGHI SUL FISCO

Matteo Salvini ha riunito i vertici della Lega e ora partecipa a un vertice a Villa Grande con Silvio Berlusconi, Lupi e l’Udc. Non sono piaciute al leader della Lega le chiusure di Draghi sui principali capitoli dell’agenda di governo su cui il Carroccio chiede correttivi e modifiche. A cominciare dalla riforma fiscale: i decreti delegati vanno approvati al più presto e non nel senso della flat tax invocata dalla Lega bensì riducendo le aliquote Irpef per i ceti medio bassi, dice Draghi.

LEGGI ANCHE: Il premier dice no al rimpasto con la ‘foto’ del Draghi bis

IL PREMIER VUOLE SUBITO IL VIA LIBERA AL DL CONCORRENZA

Il premier accelera poi anche sul ddl Concorrenza, coi capitoli concessioni balneari e taxi inclusi: Draghi vuole il via libera al disegno di legge prima della pausa estiva, per consentire entro la fine dell’anno l’ulteriore approvazione dei decreti delega. Capitolo giustizia: per il premier bisogna ultimare entro fine anno la procedura prevista per i decreti di attuazione della legge delega civile e penale. La legge di riforma della giustizia tributaria è in discussione al Senato, e deve essere approvata entro fine anno.

LA VIA CRUCIS DELLA LEGA: “DRAGHI ASSECONDA PIÙ IL M5S”

Per la Lega è una vera e propria Via Crucis. Ma non basta. Tra i parlamentari del Carroccio c’è chi fa notare che Draghi paradossalmente è stato addirittura più assecondante con le richieste provenienti dai 5 Stelle: sì al programma di protezione sociale, sì al salario minimo, sebbene in linea con la direttiva europea. Sì al reddito di cittadinanza, anche se riveduto e corretto. L’unico ‘sfregio’ sul rigassificatore di Piombino e sull’Ucraina, con la linea atlantista che non viene messa in discussione.

LO SFOGO DEL PARLAMENTARE: “SEMBRA IL PROGRAMMA DEL PD”

“In definitiva, sembra il programma del Pd”, è il commento che arriva da un parlamentare della Lega, interpellato dalla Dire. Sullo sfondo c’è il colloquio di ieri tra Draghi ed Enrico Letta. I sospetti dei leghisti vanno anche oltre: “Non è che questi stanno costruendo una maggioranza Draghi per le Politiche?”. Sospetto, poi, è il richiamo continuo del premier al volere degli italiani. “Ma niente-niente, questo vuole fare politica?”.

SCONCERTO ANCHE IN FORZA ITALIA

Lo sconcerto è arrivato anche nelle file di Forza Italia, dove tuttavia i moderati sono riusciti a prendere tempo in vista del chiarimento tra i governisti di centrodestra nel vertice di Villa Grande. Uno stand-by che si è tradotto anche nell’avvicendamento all’ultimo minuto di Licia Ronzulli, più vicina all’asse tra forzisti e Salvini, con il più dialogante Maurizio Gasparri nelle dichiarazioni in discussione generale. Il conclave prosegue, ma l’habemus papam è ancora lontano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it