Calenda mette l’elmetto: “Sì a rigassificatori e inceneritori, anche militarizzando”

ROMA – “I contenuti che presentiamo oggi non sono contenuti generici. Si tratta di rigassificatori,termovalorizzatori, se necessario militarizzando le aree in cui devono esserci”. Il leader di Azione, Carlo Calenda, sceglie una linea netta e inequivocabile su energia e rifiuti, presentando il Patto Repubblicano. Nella sua ‘ricetta’ una misura che Silvio Berlusconi adotto’ per l’inceneritore di Acerra, dichiarandolo sito di interesse strategico nazionale, presidiato quindi dalle Forze Armate.

LEGGI ANCHE: Gelmini-Calenda, segnali di intesa. E intanto Forza Italia perde altri pezzi

LA PROPOSTA DI CALENDA SUI RIGASSIFICATORI

Il programma presentato con +Europa recita che occorre procedere alla “ricostruzione di due rigassificatori con procedure straordinarie e i cantieri energetici vanno presidiati costantemente per garantirne la sicurezza”. Stop quindi a presidi e manifestazioni di protesta di attivisti e residenti facendo anche ricorso alla forza. Su questo dipenderà anche un’eventuale alleanza con il Pd: “I dem sono favorevoli al rigassificatore?- si chiede Calenda- hanno idea di come sopperire alla mancanza del gas russo senza questi nuovi impianti? Se sì ci dicano come fare”. E ancora: “Allearsi con Sinistra Italiana e i Verdi? Non mi risulta siano a favore di termovalorizzatori e rigassificatori”.

L’APERTURA AL NUCLEARE E IL ‘NODO’ BONINO

Sempre in tema energia, totale apertura da parte di Azione anche al nucleare. Si legge sempre nel ‘Manifesto’: “Per il raggiungimento di zero emissioni nella produzione elettrica andrà riconsiderato senza pregiudizi l’uso di centrali nucleari”. Posizione che stavolta, però, stride con il passato ‘barricadero’ sul tema del mondo radicale. Emma Bonino, infatti, pur specificando che quella con Azione è una alleanza e come tale “presenta anche punti dove non c’è piena convergenza”, mostra solo ‘timide’ aperture. “Il punto comune è che siamo tutti d’accordo a investire nella ricerca – ha detto l’ex ministra degli Esteri – significa che potremmo avere tra dieci anni dei risultati e in questi dieci anni spero che qualcuno risponda a qualche domanda, come ad esempio, quanto ci vorrà per costruire queste centrali? E quanto costano?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Lazio, Leodori: per caro energia sostegno 25 mln a famiglie e imprese

Presidente vicario della Regione Lazio Roma, 7 dic. (askanews) - "Per fare fronte all'eccezionale aumento dei prezzi dell'energia e limitarne così gli effetti...

Le renne pronte a partire, la cameretta degli Elfi: a Genova apre il Villaggio di Babbo Natale

GENOVA - Nell’anno in cui Genova è European Capital of Christmas 2022, torna a Cornigliano il Villaggio di Babbo Natale. Allestito nel parco di...

Roma, Gualtieri: con nuovo termovalorizzatore filiera meno opaca

"Impiantistica scarsa secondo la Dia favorisce infiltrazioni" Roma, 7 dic. (askanews) - "Tutti gli impianti devono essere realizzati nello scrupoloso rispetto delle regole....