l’avvocato-della-famiglia-ogorchukwu:-“c’a¨-un-clima-politico-di-odio-verso-lo-straniero”

(Fotogramma dal video dell’aggressione)

ROMA – “A Civitanova non si può dire che ci sia un clima di intolleranza e xenofobia, qui gli stranieri sono integrati. È una città multietnica. Certamente però è innegabile che ci sia un clima di avversione e di odio verso gli extracomunitari che devono essere respinti a prescindere e questo clima fa breccia in individui di scarsissimo spessore culturale e civico”. Così a Radio Capital l’avvocato Francesco Mantella, legale della famiglia di Alika Ogorchukwu, il nigeriano residente a San Severino con moglie e figlio ucciso ieri a Civitanova Marche.

“Chi ragiona di pancia segue quelli che dicono ‘via gli stranieri, questi ci rubano il lavoro, ci stuprano le mogli’. Molti seguono questo filone che è politico ovviamente”, prosegue Mantella.

L’avvocato commenta le parole del dirigente della Squadra Mobile di Macerata che in conferenza stampa esclude l’odio razziale come movente dell’omicidio: “Credo che sia probabile che ci sia una componente razziale in questo omicidio per quelle che sono state le modalità dell’aggressione. L’aggressore ha sprigionato un odio e una violenza che non può trovare spiegazione se non in una spinta interiore, magari covata da tempo. Corrergli dietro, insistere nell’aggressione e poi scappare via che cos’è? Non lo vogliamo chiamare odio razziale? Ha espresso un sentimento di avversione verso tutto ciò che Alika rappresentava – rimarca il legale – Perché altrimenti lo ha rincorso, può averlo fatto davvero perché ha chiesto un euro?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it