Conte: “No alleanza con il Pd, vertici dem spiegheranno la scelta agli elettori”

ROMA – Esclude un ritorno a una possibile alleanza con il Pd? “Andrà cosi perché hanno deciso così sin dall’inizio, in modo irrazionale, dando uno schiaffo anche agli elettori il del Pd”. Giuseppe Conte, presidente M5S, lo dice su RaiNews24. Il M5s correrà da solo e non potrà contare neanche su Alessandro Di Battista, che ieri ha spiegato perché non ci sarà una sua candidatura.

“Con Di Battista su alcune questioni politica internazionale non ci ritroviamo. Io ho spiegato che M5S oggi è un movimento strutturato, dove c’è una linea politica che bisogna condividere, se non la si condivide nascono delle difficoltà. Lui ha opinioni diverse, quindi c’è una questione politica, poi ci sono le questioni personali, ma queste le lascio a lui, fanno parte della sua storia personale e mi interessano meno”, spiega Conte.

LEGGI ANCHE: Di Battista: “Grillo padre padrone e io sotto di lui non ci sto”

Con il governo Conte 2, insieme al Pd, sono state realizzate molte cose, anche in tema ambientale, prosegue Conte, ma dopo la caduta del governo Draghi il Nazareno ha escluso alleanze con il Movimento: “i vertici Pd che hanno deciso così ne risponderanno anche al loro elettorato”, afferma il presidente M5S. Un’alleanza rinnovata che appare impossibile anche dopo il voto, nel caso di un risultato che non consenta un governo chiaro, perché “se vogliamo recuperare la fiducia dei cittadini e la partecipazione nella politica” si deve creare “un rapporto chiaro e trasparente con i cittadini”, dice Conte, quindi “noi ci presentiamo da soli e assumiamo precisi impegni” e “non ci lasceremo distrarre da alleati o non alleati”.

CONTE: “SARÒ IL CAPOLISTA IN PIÙ CIRCOSCRIZIONI”

“L’ipotesi di essere capolista in più colleghi c’è. Io ci metto la faccia, ce la devo mettere per primo per rispetto alla comunità M5S, e come leader politico devo garantire che le persone che porteremo in Parlamento siano degni portavoce e rappresentati dei nostri principi e valori. Quindi sicuramente i cittadini mi ritroveranno in più circoscrizioni, per cercare di portare avanti i principi e i valori del Movimento”, prosegue Conte.

CONTE: “IO NON PRENDO ORDINI DA WASHINGTON COME MELONI”

“Io non prendo ordini da Washington, io sono l’unico leader politico che quando ha governato, e ora in campagna elettorale, non va a a Washington a prendere ordini, perché è importante come si sta in questi contesti internazionali. Io sono leale con tutti i nostri alleati, ma difendo gli interessi nazionali in modo vero, non faccio come Meloni che va a Washington e si va a raccomandare per cercare di governare, e poi parla sempre di interesse nazionale”, aggiunge il leader M5s.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Scala, Meyer a Sgarbi: non mi sono mai sentito straniero

Sovrintendente: "Parole sottosegretario mi fanno pena" Milano, 7 dic. (askanews) - "Sono in Italia da trent'anni e la prima volta che sono venuto...

Volodymyr Zelensky eletto persona dell’anno dal Time 2022

Foto Twitter ROMA - Dopo il Financial Times, oggi anche il Time ha insignito Volodymyr Zelensky del titolo di 'Persona dell'anno', la scelta, fatta dai...

La linea D di Roma risorge: nel 2023 project review e cantieri per Tva e tram

La linea D di Roma è pronta a risorgere. La quarta metropolitana della Capitale nel 2023 sarà riprogettata in vista di una richiesta di...