Da Di Maio a Casini, i politici cantano ‘Bella ciao’

ROMA – Continua a tenere banco il caso ‘Bella ciao’: dopo il rifiuto di Laura Pausini di intonare la canzone nel corso di una trasmissione spagnola in cui era ospite, è il momento dei politici. Nei giorni scorsi il sindaco di Roma Roberto Gualtieri si era detto disponibile a suonarla alla sua amata chitarra, mentre oggi a mettere in moto le corde vocali per l’inno della Resistenza italiana sono stati Luigi Di Maio e Pier Ferdinando Casini.

LEGGI ANCHE: “Marco se n’è andato perché era antifascista”. L’ironia della rete su Laura Pausini e ‘Bella ciao’

DI MAIO: “ULTIMAMENTE ‘BELLA CIAO’ MOLTO COMMERCIALE”

‘Bella ciao’ “io l’ho cantata in passato e mi ha meravigliato come ultimamente sia diventata molto commerciale”, vedi la serie tv ‘La casa di carta’. Per noi ha un legame storico con la Resistenza e l’opposizione al fascismo”. Così il ministro degli Esteri e leader di Impegno civico Luigi Di Maio, intervenendo a ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio 1. Poi, alla richiesta dei conduttori Giorgio Lauro e Geppi Cucciari, Di Maio intona le prime note del canto, giustificandosi: “Non sono molto intonato”. Nei giorni scorsi, un’altra “performance” di Di Maio aveva fatto il giro del web: il ministro aveva ‘ballato’ sulle note della colonna sonora di ‘Dirty dancing’ in una pizzeria.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Laura Pausini non canta ‘Bella ciao’? Tanti prima di lei invece sì

CASINI CANTA E SPIEGA: “IL 25 APRILE DOVREBBE ACCOMUNARE”

“Una mattina, mi son svegliato…”. Sotto il pressing de ‘Le Iene’, anche Pier Ferdinando Casini si è lanciato a intonare ‘Bella Ciao’. Il siparietto è avvenuto questo pomeriggio a Bologna, all’entrata dell’hotel ‘Il Guercino’, dove l’ex presidente della Camera era atteso per un’intervista nel salotto di Patrizia Finucci Gallo. Ad attendere il senatore centrista, candidato per il centrosinistra, c’era anche Stefano Corti della trasmissione di Mediaset. “Dopo il rifiuto di Laura Pausini, ‘Bella Ciao’ è davvero una canzone di sinistra?”, chiede l’intervistatore. “No, è una canzone di tutti gli italiani che amano l’Italia – risponde Casini – e che riconoscono nella Resistenza un dato fondativo della Repubblica italiana”.

Dopodiché il senatore centrista intona ‘Bella Ciao’, in coro con la iena. Poi, durante l’intervista aggiunge: “È una cosa che non dovrebbe imbarazzare nessuno. Il 25 aprile dovrebbe essere una festa che accomuna, non che divide. Quando mi insediai alla presidenza della Camera, ricordai il valore costituzionale della Resistenza. Se poi andando avanti ci vogliamo dividere su questo… ma la realtà è questa”, conclude Casini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario per l'emergenza a Ischia, Giovanni Legnini, ha individuato...

A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata nella quale l'Abruzzo dona l'albero di Natale di...

Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo

PALERMO - Ora è corsa contro il tempo alla ricerca di una norma 'Salva-Sicilia' da ancorare al decreto Aiuti o direttamente alla manovra messa...