In Toscana spunta la bandiera col fascio su una sede Cgil: “Il fascismo c’è”

FIRENZE – Una bandiera Quello che è successo a Camucia è gravissimo”. Si tratta “dell’ennesima intimidazione fascista” contro la Cgil, stavolta però “con un salto di qualità: ora si appendono bandiere con aquile su fasci littori, roba da anni ’20 del Novecento. Stavolta spicca anche la tempistica: alla vigilia delle elezioni politiche e a quasi un anno dall’assalto squadrista alla sede della Cgil nazionale a Roma”. Dalida Angelini, segretaria generale di Cgil Toscana, lo dice dopo che davanti alla sede Cgil di Camucia (Arezzo) è stata affissa una bandiera con un’aquila su un fascio littorio.

“Il fascismo, purtroppo, c’è. Magari- prosegue- anche in forme diverse rispetto al Ventennio, ma c’è. Lo abbiamo sempre denunciato, anche se non manca chi continua a minimizzare. Di sicuro continueremo a chiedere la messa al bando delle organizzazioni neofasciste e non ci faremo intimidire da nulla. Saremo a fianco della Cgil di Arezzo in qualsiasi iniziativa che vorrà portare avanti in reazione a questa squallida provocazione, e siamo convinti a maggior ragione dopo questo episodio, che i nostri iscritti e le nostre iscritte sapranno difendere i valori dell’antifascismo, per noi fondamentali, anche nel voto alle elezioni politiche”. Inoltre, conclude, “invitiamo infine tutte le forze politiche democratiche a reagire, a indignarsi per questo increscioso episodio di Camucia e a condannarlo fermamente. Le aspettiamo l’8 ottobre a Roma, a un anno dalla devastazione della nostra sede nazionale, dove manifesteremo per dire no a ogni fascismo e per portare in piazza le ragioni del lavoro”.

FOSSI: “NO INTIMIDAZIONI, TOSCANA TERRA ANTIFASCISTA”

“Un fatto vergognoso, da condannare sotto tutti i punti di vista. Non ci intimidiranno, se è questo l’intento di coloro che hanno messo la bandiera. Noi non abbiamo paura: la Toscana è da sempre terra antifascista, è il valore più importante che abbiamo e che vogliamo proteggere”.Così Emiliano Fossi, candidato del centrosinistra nel collegio della provincia di Firenze per la Camera, commenta il gesto di chi ha lasciato una bandiera con un’aquila su un fascio littorio davanti alla sede Cgil di Camucia (Arezzo).

“Un gesto così riporta alla mente soltanto periodi bui della nostra storia- ha aggiunto- Per fortuna i toscani e gli italiani hanno una memoria storica e valori solidi. Chi odia si arrenda: la Toscana non cambierà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario per l'emergenza a Ischia, Giovanni Legnini, ha individuato...

A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata nella quale l'Abruzzo dona l'albero di Natale di...

Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo

PALERMO - Ora è corsa contro il tempo alla ricerca di una norma 'Salva-Sicilia' da ancorare al decreto Aiuti o direttamente alla manovra messa...