Pnrr, Cuchel (commercialisti): “Sia occasione per riqualificare professioni in Italia”

“Se l’Italia vuole sfruttare al massimo le risorse previste nel Pnrr è necessario che i professionisti vengano coinvolti pienamente nell’intera fase di programmazione, gestione e controllo. Possiamo avere un ruolo determinante soprattutto nella terza fase, come dimostrano i dati relativi ai bonus edilizi con 4,4 miliardi di euro stimati come proventi delle frodi, dei quali solo il 3% hanno riguardato il superbonus dove è previsto il controllo dei commercialisti”. Lo ha dichiarato Marco Cuchel, presidente dell’Associazione nazionale Commercialisti, in apertura del Forum “Pnrr: occasione unica per il rilancio del Paese. Il contributo fondamentale dei professionisti”.

“Sulla base di questa esperienza e dell’incremento progressivo del rapporto di sussidiarietà con la Pubblica Amministrazione con le sempre maggiori competenze che lo Stato ci affida, è giunto il momento che ci venga riconosciuto ufficialmente il nostro ruolo per dare la giusta dignità alla nostra professione. Il mio auspicio – ha proseguito Cuchel – è che il Pnrr sia occasione non solo per la ripartenza economica del Paese ma anche per riqualificare le professioni in Italia”. Il numero uno dell’associazione dei commercialisti italiani ha poi puntato il dito sulla riforma della giustizia tributaria denunciando “un serio problema relativo alla terzietà dei giudici incardinati presso il Mef e chiamati a dirimere proprio le liti tra i contribuenti e l’amministrazione tributaria. Una condizione che mina alla base la credibilità di questo sistema evidentemente sbilanciato in favore della PA”.
Sul tema della riforma fiscale è intervenuto Andrea De Bertoldi (segretario della Commissione Finanze al Senato della Repubblica): “Serve un fisco diverso, che non preveda ulteriori tasse patrimoniali ma sia orientato a una maggiore produttività attraverso la leva fiscale. Disincentivando il sommerso che appesantisce i conti pubblici. Come? Attraverso la flat tax incrementale, con il principio del ‘più assumi e meno paghi’, per orientare ad un’occupazione il 60% degli attuali percettori del reddito di cittadinanza che risultano abili al lavoro, attraverso incentivi fiscali con super deduzione dei costi del lavoro fino al 150%; per istituire il ‘reddito di umanità’ a chi non è in grado di lavorare, con la pace fiscale valutando le risorse a disposizione per alleggerire il magazzino fiscale. In questo il ruolo dei commercialisti è importante come volano di trasmissione della normativa dal Legislatore alla vita reale”.
Luigi Pagliuca (presidente della Cassa di Previdenza dei ragionieri e degli esperti contabili) ha posto l’attenzione “sulle aggregazioni professionali che potrebbero rappresentare il futuro della categoria. Solo così è possibile rispondere alle esigenze di un mercato che è profondamente mutato negli ultimi anni, con richieste di continui aggiornamenti e di una professionalità sempre più direzionata verso la digitalizzazione. Occorre una visione di lungo periodo trasformando il commercialista tradizionale in un professionista in grado di affiancare le imprese quotidianamente. Tutti i dati in nostro possesso testimoniano la crescita progressiva del volume d’affari degli studi associati che riescono a offrire servizi diversificati efficienti ed efficaci. Questa è la strada da percorrere se vogliamo evitare che dopo la crisi d’impresa si parli di crisi degli studi professionali”.
Sul ruolo dei commercialisti nell’applicazione delle norme anti riciclaggio si è soffermato Raffaele D’Arienzo Componente GDL antiriciclaggio Commissione nazionale Cndcec: “Quando ci sono tanti soldi come quelli previsti dal Pnrr subito la malavita tenta di infiltrarsi. Sotto questo aspetto noi giochiamo un ruolo fondamentale nelle certificazioni rispetto alla normativa. La stessa Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia segnala come fortemente deficitaria la PA su questo tema. E’ qui che ci inseriamo noi. Le risorse del Pnrr devono servire per rimettere in moto economia e infrastrutture, non per foraggiare la criminalità. Siamo pronti a dare il nostro contributo a tutela del sistema economico dell’Italia”.
La cifra dell’impegno dei commercialisti nella PA è stata fornita da Paolo Longoni (consigliere di amministrazione della Cnpr): “Circa 12mila commercialisti sono impegnati nelle attività di revisione degli enti locali e altri 18 mila sono iscritti agli elenchi. Parliamo del 30% dei professionisti che si occupa del sistema dei controlli nell’ambito del Pnrr. Noi non rifuggiamo tale responsabilità, anche rilevante, ma vanno fatte riflessioni serie sull’adeguamento dei compensi”.
Per Mauro Nicola (tesoriere della Fondazione Nazionale Commercialisti): “I commercialisti devono avere la capacità di non dimenticare le loro origini. In questa lettura strategica guardiamo al passato professionale per andare avanti verso quelle attività molto più qualificanti. Se non faremo passi in avanti il vero rischio è implosione della categoria. Accettare incarichi dei quali non si conoscono i rischi va evitato”.
Sull’evoluzione del ruolo dei professionisti è intervenuto Gaetano Stella Presidente Confprofessioni: “Noi professionisti siamo molto resilienti, con una grande capacità di ripartire. Ma nel Pnrr siamo i grandi assenti poiché, nonostante veniamo equiparati alle piccole e medie imprese, non ci sono risorse a noi destinate. Servono perciò correttivi senza i quali rischiamo di perdere competitività.  Oggi il Piano ci pone di fronte a nuove competenze professionali e dobbiamo allargare i nostri orizzonti lavorativi. Una sfida che porterà a dover investire in digitalizzazione per aiutare a crescere l’intera categoria. Competenze professionali, digitalizzazioni, aggregazioni e problema doppia tassazione per i professionisti sono temi che vanno risolti immediatamente e adesso ci sono le risorse per farlo”.
Sulla riforma del processo tributario si è espresso Luigi Lovecchio (Dottore Commercialista Studio Deotto Lovecchio & Partners): “Sono favorevole a questa riforma del processo tributario che considero epocale. Ovviamente ci sono diversi aspetti da migliorare ma è un buon punto di partenza. Abbiamo aspettato per 60 anni il giudice professionale e non possiamo fermare tutto solo perché lo stesso è incardinato presso il Mef”.
Del ruolo dei professionisti nelle aree della ricostruzione ha parlato Deborah Giraldi (dirigente dell’Ufficio del Commissario Straordinario per la Ricostruzione del Sisma 2016): “Lo stato della ricostruzione ha avuto un’accelerazione grazie alle ordinanze commissariali che hanno introdotto semplificazioni normative importanti in deroga alle norme del Codice Appalti che presentavano tante difficoltà. Con queste ordinanze speciali il Commissario ha aperto 10mila cantieri finanziati e si prevedono, nell’ambito Pnrr, mille nuovi interventi. Il Commissario è destinatario di 1 mld di euro per le PA in tema di innovazione digitale, mobilità, economia sostenibile. I bandi pubblicati prevedono investimenti finalizzati a riportare le attività imprenditoriali nelle aree colpite dal sisma. I professionisti possono dare un contributo non solo in fase di rendicontazione e controllo ma soprattutto in fase di programmazione di questi investimenti”.
 Al Forum hanno introdotto i lavori Margherita Monti (presidente dell’Odcec Vicenza), Lorenzo Scanavin (presidente dell’Anc Vicenza) e Mariano Rigotto (presidente Apindustria Confimi Vicenza).

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario per l'emergenza a Ischia, Giovanni Legnini, ha individuato...

A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata nella quale l'Abruzzo dona l'albero di Natale di...

Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo

PALERMO - Ora è corsa contro il tempo alla ricerca di una norma 'Salva-Sicilia' da ancorare al decreto Aiuti o direttamente alla manovra messa...