La crisi non ferma le donne. In rosa il 21,74% delle imprese: i dati dell’Osservatorio dell’Imprenditoria femminile

Redazione

La crisi non arresta le donne, che ora guidano un’impresa su cinque. I dati dell’Osservatorio dell’Imprenditoria femminile di Unioncamere-InfoCamere, aggiornati al 30 settembre 2016, confermano la crescita della presenza femminile nel sistema produttivo nazionale. Le imprese guidate “dall’altra metĂ  del cielo” hanno superato quota 1 milione e 321mila, pari al 21,74% del totale registrate in Italia. Le attivitĂ  femminili sono maggiormente concentrate nel settore terziario, dove operano quasi i due terzi (65,7%; circa 870mila) del totale delle imprese “rosa”, e nel settore primario (agricoltura, silvicoltura e pesca), in cui si concentra  il 16,5%  (circa 218 mila).

Molise in testa. Il Molise (con il 28,4%), la Basilicata (36,80%) e l’Abruzzo (25,85%), sono le regioni in cui il tasso di femminilizzazione raggiunge i livelli massimi, interessando piĂą di un’impresa su 4. Se la cavano molto bene anche alcune regioni del Sud, con le lusinghiere performance di Sicilia (24,03%) e Calabria (23,42%).

Le province. Scendendo al dettaglio provinciale, Benevento, Avellino, Chieti, Campobasso, Frosinone e Isernia sono al vertice della classifica con la maggior incidenza di imprese guidate da donne sul totale. Terni, Cosenza e Messina sono i tre territori il cui tasso di femminilizzazione è superiore alla media, mentre in valori assoluti la platea delle donne di impresa più numerosa è quella di Bari, seguita da Bologna e Treviso. Il settore primario a Terni parla femminile con oltre il 35%, così come il secondario (industriale) con oltre il 21%. La componente femminile pesa oltre il 30% a Cremona nel settore del noleggio e agenzie di viaggio e oltre l’8% nelle costruzioni a Cosenza e a Messina. A Belluno, quasi un terzo delle imprese del settore dei servizi di alloggio è guidato da una donna.

Roadshow. Per essere vicini a questo universo fondamentale dell’imprenditoria italiana il 22 novembre è partita la nona edizione del “Giro d’Italia delle donne che fanno impresa”, la manifestazione itinerante promossa da Unioncamere in collaborazione con i Comitati per l’imprenditoria femminile delle Camere di commercio. Obiettivi dell’iniziativa sono informare, formare e sensibilizzare imprenditrici e aspiranti tali a proposito delle problematiche specifiche delle imprese guidate da donne e alle concrete opportunità offerte dal “mettersi in proprio”, nonché creare dei momenti di consenso e di visibilità a supporto dell’occupazione femminile e della diffusione della cultura delle pari opportunità.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Meloni lancia appello a Onu: guerra globale a trafficanti uomini

Discorso all'Assemblea. Focus su migranti, Africa, Intelligenza artificiale New York, 21 set. (askanews) – L'Onu ha il "dovere" di "rifiutare ogni ipocrisia" sui migranti e di "dichiarare una guerra globale e senza sconti ai trafficanti di esseri umani". E' questo l'appello che Giorgia Meloni ha lanciato nel suo intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Meloni

Giorgia Meloni, l’intervento all’Onu: cosa ha detto oggi

(Adnkronos) - Migranti, l'aggressione della Russia e la guerra in Ucraina, il ruolo dell'Onu oggi e nel futuro, l'impegno dell'Italia per l'Africa, le sfide legate all'Intelligenza Artificiale. Sono i temi che il presidente del Consiglio Giorgia Meloni affronta nel suo discorso all'Assemblea delle Nazioni Unite, nell'intervento tenuto quando oggi, in Italia, il 21 settembre è

Migranti, Giorgia Meloni all’Onu: “Guerra globale ai trafficanti, Italia in prima linea”

(Adnkronos) - L'Onu deve condurre una guerra globale ai trafficanti di esseri umani. L'Italia vuole essere in prima fila in questa battaglia. E' un passaggio dell'intervento del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, davanti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. "Sono convinta che sia dovere di questa organizzazione rifiutare ogni ipocrisia su questo tema e dichiarare una