Bruxelles prepara la riforma: aliquota media al 12 per cento

La Commissione europea è in procinto di presentare una attesa riforma sull’imposta del valore aggiunto. Tra le altre cose, il pacchetto, che salvo sorprese dovrebbe essere illustrato giovedì, prevede che i governi nazionali godano di maggiore flessibilitĂ  nel decidere le aliquote dell’Iva. Nel contempo, la proposta messa a punto dall’esecutivo comunitario propone di ridurre le incombenze amministrative delle piccole e medie imprese in questo delicato campo. Attualmente, l’assetto legislativo, che risale al 1992, prevede una aliquota minima del 15%, due aliquote piĂą basse stabilite a livello nazionale e applicabili su una serie di beni, così come ulteriori deroghe speciali in alcuni settori. Secondo le informazioni raccolte qui a Bruxelles, la riforma prevede una aliquota standard di almeno il 15%; due aliquote piĂą basse tra il 5 e il 15% (o il tasso standard nazionale); un’altra aliquota tra lo 0 e il 5%; e infine una aliquota pari allo zero per i prodotti esenti da Iva. I singoli governi nazionali saranno liberi di fissare il livello delle aliquote, e scegliere quali aliquote applicare a quali prodotti. In questo senso, la lista attuale di prodotti a cui è possibile applicare una aliquota ridotta sarĂ  abolita. VerrĂ  in compenso sostituita da una nuova lista a cui viceversa dovrĂ  essere applicata una aliquota di almeno il 15%; comprenderĂ  tra le altre cose armi, metalli preziosi, alcool, tabacco, giochi d’azzardo, cellulari, carburanti, prodotti elettronici di consumo. La liberalizzazione nel fissare le aliquote dell’Iva ècompensata dall’obbligo dei paesi di garantire una aliquota media ponderata che sia almeno del 12%. Attualmente in Europa l’aliquota media dell’imposta sul valore aggiunto è di circa il 20%. Con la sua riforma, la Commissione europea vuole rispondere alle richieste di maggiore libertĂ  provenienti dai paesi membri, imponendo tuttavia limiti per evitare distorsioni alla concorrenza nel mercato unico e un eccessivo calo del gettito fiscale. Le regole comunitarie consentono oggi aliquote inferiori al 15% tra le altre cose sui prodotti farmaceutici, sul trasporto passeggeri, sugli spettacoli sportivi. I settori sono in tutto 18. Negli anni scorsi, l’Italia aveva deciso di imporre ai libri elettronici una aliquota ridotta, in violazione delle norme europee. La Commissione europea avrebbe potuto aprire una procedura di infrazione. Invece, ha deciso di seguire l’esempio italiano per favorire l’editoria (si veda il Sole 24 Ore del 2 giugno 2017). Sempregiovedì, l’esecutivo comunitario proporrĂ  una riforma del modo in cui l’Iva viene applicata sulle vendite delle piccole societĂ . Attualmente, i paesi membri possono esentare le piccole aziende da questa imposta. La possibilitĂ , tuttavia, vale solo per le societĂ  prettamente nazionali; e lo stesso tetto di fatturato è stabilito a livello locale. Bruxelles vuole armonizzare le regole, limitando questa possibilitĂ  a fatturati inferiori ai ioomila euro per le aziende presenti anche in piĂą paesi. Inoltre, semplificazioni amministrative saranno garantite alle piccole aziende con un fatturato inferiore ai 2 milioni di euro. In conclusione, la riforma, che è stata messa a punto dal commissario agli affari monetari Pierre Moscovici, deve essere approvata all’unanimitĂ  dal Consiglio. In tema fiscale, il ruolo del Parlamento europeo è consultativo. Il pacchetto giunge dopo che in ottobre la stessa Commissione europea ha presentato una ambiziosa riforma della raccolta dell’Iva nell’Unione.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

La ricetta di Draghi sulla competitività: riforme anche per l’Ue

L'ex premier al Parlamento europeo a Strasburgo Roma, 28 feb. (askanews) – L'Unione europea deve applicare a sé stessa la richiesta di operare delle 'riforme strutturali', che rivolge spesso e giustamente agli Stati membri, per poter ritrovare quella capacità di agire collettivamente e per obiettivi comuni che sembra avere perso negli ultimi anni, e per

Svezia adotta sistema Tips Bankitalia per pagamenti istantanei

Primo paese extra area euro ad usarlo su regolamento valuta Roma, 28 feb. (askanews) – La Svezia è il primo paese al di fuori dell'area dell'euro a regolare la propria valuta su Tips (Acronimo di Target Instant Payment Settlement), la piattaforma di pagamenti bancari istantanei operata dalla Banca d'Italia per contro di tutto l'Eurosistema delle

Biennale Arte, Padiglione Italia: con Bartolini un ascolto aperto

Progetto curato da Luca Cerizza: al centro suono e partecipazione Venezia, 27 feb. (askanews) – Si intitola Due qui / To Hear il progetto espositivo per il Padiglione Italia alla 60esima Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia, promosso dalla Direzione generale Creatività contemporanea del ministero della Cultura. A cura di Luca Cerizza (con l'assistenza