Il labirinto del Fisco: 58mila pagine di istruzioni dal 2002

Semplificazione questa sconosciuta. Per quanto si continui a parlare di alleggerire il carico della burocrazia fiscale su professionisti e imprese il risultato sembra essere quello opposto: un sistema sempre piĂą intricato e in cui si stratificano norme e chiarimenti di prassi. E quanto emerge da una ricerca effettuata dalla Fondazione nazionale dei commercialisti che sarĂ  presentata oggi a Roma agli stati generali della professione a partire dalle 9,3o. Qualche numero per fotografare la complicazione? Dal 2008 al 2017 Finanziarie, leggi di StabilitĂ  e ora leggi di Bilancio approvate sono state composte complessivamente da 5.795 commi. A questo, però, è necessario aggiungere 22 manovre correttive per la tenuta dei conti pubblici, composte da altri 4.006 commi. Ogni manovra, poi, è accompagnata da un fardello molto pesante di decreti attuativi da varare. Soltanto per l’ultima legge di Bilancio relativa al 2018 occorrono 189 decreti attuativi. Senza dimenticare poi i decreti Milleproroghe degli ultimi dieci anni (in tutto 153 articoli e 743 commi). E nell’ultima legislatura si è giocata anche la partita dell’attuazione della delega fiscale: 11 decreti legislativi di attuazione, corrispondenti a un totale di 168 articoli e490 commi. Il problema è che poi tutta questa produzione normativa in ambito fiscale presenta enormi difficoltĂ  di applicazione. II metro, in questo senso, è rappresentato dai documenti di prassi emanati nell’ultimo decennio: tra agenzia delle Entrate, ministero dell’Economia eGuardia di Finanza sono arrivati quasi 4.400 tra provvedimenti, risoluzioni e circolare. Una montagna di circa 58mila pagine con cui gli addetti ai lavori hanno dovuto prendere confidenza. Il tutto per accompagnare i propri assistiti (imprese o persone fisiche) negli adempimenti. «Siamo di fronte – sottolinea il presidente del Cndcec Massimo Miani – a un vero e proprio ginepraio normativo e applicativo, difficile da gestire e da interpretare, che costringe gli studi professionali a lavorare, il piĂą delle volte, in condizioni di emergenza, con disagi che si ripercuotono ingiustamente sui contribuenti». E ai politici che oggi interverranno i commercialisti presenteranno le proposte fiscali per la prossima legislatura.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Giorgio Napolitano, la notizia della morte sui siti di tutto il mondo

(Adnkronos) - La scomparsa di Giorgio Napolitano, morto oggi all'età di 98 anni, è tra le news che trovano ampio spazio sui media stranieri e in particolare sui siti di testate di tutto il mondo: dalla Tass alla Deutsche Welle, da 'El Pais' alla Faz e da 'Le Monde' alla Frankfurter Allgemeine Zeitung: "Primo presidente

Il boss Messina Denaro è in coma irreversibile

PALERMO – Il boss Matteo Messina Denaro è in coma irreversibile. Il capomafia di Castelvetrano, arrestato il 16 gennaio a Palermo, è ricoverato da alcune settimane all’ospedale San Salvatore, a L’Aquila, a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni cliniche per via del tumore al colon che lo affligge. Era stata proprio la necessità di lottare contro

Giorgio Napolitano, le ultime ore con la moglie Clio e i due figli al fianco

(Adnkronos) - Il Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, si è spento oggi all'età di 98 anni nella clinica Salvator Mundi di Roma. Il quadro clinico del senatore era apparso molto critico negli ultimi giorni. Ad assisterlo nel suo periodo di degenza la moglie Clio Maria Bittoni e i due figli, Giovanni e Giulio. Un capannello