La rottamazione sostiene le entrate contributive

La rottamazione delle cartelle dà il suo contributo anche alla crescita delle entrate contributive nel corso del 2017. E quanto emerge dai dati pubblicati ieri dal dipartimento delle Finanze, che segnalano un incremento complessivo di quasi 5,5 miliardi con una crescita del 2,5% sul 2016. Più nello specifico, l’incremento di quasi 4,7 miliardi delle entrate contributive Inps è attribuibile al settore privato «per effetto sia della dinamica – come spiega la nota del ministero – del mercato del lavoro, sia degli incassi correlati alla cosiddetta rottamazione delle cartelle». Mentre le entrate contributive del settore pubblico sono rimaste sostanzialmente stabili, in linea con le dinamiche retributive del comparto. Anche gli incassi dell’Inail, che hanno superato quota 7,7 miliardi, subiscono un miglioramento (4,7%). Trend in crescita condiviso anche per gli enti privatizzati che arrivano a 9,7 miliardi. In attesa che diventi pienamente operativo il blocco per 3o giorni previsto dall’ultima manovra per i soggetti a rischio, continuano a crescere le compensazioni di imposte dirette (644 milioni di euro corrispondenti a un incremento del 3,1%) e dell’Iva (558 milioni per una crescita del 3,6% sul 2016). Anche se nel complesso il dato sulle compensazioni resta sostanzialmente stabile (-0,3%) per effetto del calo del 44% relativo all’Irap. Proprio l’imposta regionale sulle attività produttive traina le entrate degli enti territoriali. Nonostante la sterilizzazione della componente lavoro, il gettito complessivo continuano a crescere. Il 2017 si è chiuso, infatti, con 23,6 miliardi di gettito in crescita di 845 milioni ( 3,7%). Quasi il 60% viene versato da imprese e professionisti. Questo significa che per mantenere le promesse elettorali fatte dalle formazioni politiche che hanno vinto nel tornata del 4 marzo bisognerebbe trovare coperture 13,8 miliardi, mentre i restanti 9,8 miliardi sono quelli versati dalle pubbliche amministrazioni. Più in geberale il dipartimento delle Finanze evidenzia che le entrate tributarie e contributive del 2017 hanno fatto segnare un aumento del 2,1% (14.594 milioni di euro) rispetto all’anno precedente.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Migranti, Giorgia Meloni: “Non consentirò che Italia diventi campo profughi”

(Adnkronos) - "Non permetterò che l'Italia diventi il campo profughi d'Europa". Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, a margine di una cerimonia a Columbus Circus, a New York, rispondendo alle domande sul tema migranti. La premier ha deposto una corona di fiori alla presenza di alcuni rappresentanti della Columbus Citizens Foundacion e

Equo compenso in stallo. Tempi lunghi per i parametri

Procede a rilento la messa a terra concreta dei principi della legge sull'equo compenso per i professionisti. A distanza di quattro mesi dal 20...

Professionisti: cambia il fisco su immobili, spese e società

Il reddito di lavoro autonomo di venta onnicomprensivo. Parte da qui la rivoluzione della tassazione sul reddito dei professionisti. In sostanza davanti al fisco...