Privacy soft per i singoli professionisti

Il nuovo regolamento europeo sulla privacy che entrerà in vigore il 25 maggio non comporterà conseguenze per i singoli professionisti e gli studi di piccole dimensioni. La rassicurazione è stata data da Augusta Iannini, vicepresidente del Garante privacy, intervenendo ieri a un forum organizzato dalla Fondazione studi e dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro. Se invece lo studio professionale è di grandi dimensioni e ha rapporti in ambito internazionale, si deve verificare se è il caso di dotarsi di un data protection officer, tenuto conto dell’attività svolta, mentre se il professionista opera come associato o in una società tra professionisti è quest’ultimo soggetto a dover valutare quali misure adottare. Di certo c’è che i consigli provinciali dell’Ordine dei consulenti del lavoro dovranno dotarsi di un Dpo, in quanto soggetti di diritto pubblico. Se sono di piccole dimensioni possono valutare di consorziarsi e scegliere un responsabile interno o esterno. Intanto il Parlamento ha calcolato quanto costerà il decreto che deve coordinare il regolamento europeo con la normativa nazionale, provvedimento ora all’esame di Camere e Garante, in attesa di ritornare a Palazzo Chigi per il via libera definitivo. Il servizio Bilancio di Montecitorio e Palazzo Madama ha preso in considerazione le due norme del decreto che comportano nuovi esborsi: si tratta di quella sul funzionamento dell’ufficio del Garante della privacy e dell’altra sulle sanzioni. Nel primo caso si avrà un maggior costo di oltre 3 milioni di euro a partire dal 2019 (quest’anno sarà di 1,8 milioni, perché calcolato su sette mesi) a causa dell’adeguamento delle retribuzioni del personale a quelle dell’Autorità delle comunicazioni. Oggi, infatti, il personale del Garante della privacy (ad eccezione dei quattro componenti del collegio, che hanno compensi più elevati, che restano invariati) percepiscono l’80% di quanto riconosciuto ai dipendenti dell’Agcom. Per quanto invece riguarda le sanzioni, il decreto prevede la definizione agevolata per i procedimenti sanzionatori aperti dal Garante alla data del 21 marzo scorso: la causa si risolve pagando i due quinti del minimo edittale previsto per la violazione. La stima è di un incasso per lo Stato di 4,8 milioni di euro per circa 1.200 procedimenti pendenti, con una perdita di 7,3 milioni se si fosse mantenuta la sanzione piena.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, dopo la sfilata la Festa prosegue nelle piazze

ROMA - La Festa della Repubblica, terminata la sfilata con il tricolore portato dai paracadutisti, prosegue a via Cavour. Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano si concede per una foto con dei bambini e una famiglia, Vittorio Sgarbi stringe mani. "Dovremmo amare di più la nostra Patria- dichiara alla Dire un'insegnante che sta camminando verso

Luigi Di Maio è già al lavoro come rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo

Dovrà approfondire il partenariato con i Paesi della regione Bruxelles, 2 giu. (askanews) – L'ex ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio è al lavoro da ieri nel suo nuovo ruolo di Rappresentante speciale dell'Ue per la regione del Golfo. Lo ha riferito oggi a Bruxelles il portavoce per la Politica estera della Commissione europea

2 giugno, La Russa: “Teniamo alti i valori della democrazia, della libertà e della sovranità della Patria”

ROMA - "Buona festa della Repubblica", dice il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ai cronisti. Suona l'inno di Mameli, cantano i militari schierati e le tante persone che affollano piazza Venezia. Le massime autorità della Repubblica portano il loro saluto al Milite Ignoto. È il preludio alla consueta parata del 2 giugno con cui