Non ammissibile la cartella se l’errore è stato corretto

Non c’è danno all’erario se il contribuente, dopo aver ricevuto l’avviso bonario per aver indicato erroneamente il credito a rimborso in dichiarazione ma precedentemente compensato, presenta autotutela all’ufficio consentendo cosĂŹ di emendare l’errore e di annullare la pretesa avanzata dall’Agenzia. A fornire questa precisazione è la Corte di cassazione con l’ordinanza 14859 depositata ieri. L’agenzia delle Entrate notificava un avviso bonario ad una societĂ  con il quale richiedeva la restituzione di un credito Iva perchĂŠ utilizzato in compensazione e parallelamente richiesto anche a rimborso. In conseguenza della lettera, la societĂ  presentava un’istanza con la quale rinunciava alla richiesta di rimborso e contestualmente richiedeva l’annullamento integrale della pretesa. In proposito evidenziava, infatti, che il rimborso non era stato erogato e pertanto la rinuncia consentiva di non duplicare l’utilizzo del citato credito Iva. L’ufficio, disattendendo l’istanza della contribuente, notificava la cartella di pagamento che veniva impugnata dinanzi al giudice tributario. Entrambi i collegi di merito annullavano la pretesa, confermando le ragioni della societĂ . L’Agenzia ricorreva cosĂŹ in Cassazione lamentando che la Ctr aveva omesso di considerare che se l’ufficio avesse erogato il rimborso, la condotta del contribuente avrebbe cagionato un danno all’erario. La Suprema corte ha preliminarmente rilevato che sono emendabili solo gli errori commessi dai contribuenti in dichiarazione e non le “scelte” operate, atteso che rappresentano una precisa manifestazione di volontĂ . In simili ipotesi, tuttavia, il contribuente può contestare l’atto impositivo eventualmente notificato, dimostrando il vizio della volontĂ , ossia fornendo la prova della rilevanza dell’errore commesso e la riconoscibilitĂ  dello stesso da parte dell’amministrazione finanziaria. La Cassazione ha ritenuto che la Ctr nella propria decisione non avesse disatteso tali principi. Innanzitutto, il collegio di appello rilevava che la societĂ  non aveva presentato il modello VR per ottenere concretamente il rimborso. In proposito, peraltro, la stessa Agenzia con la circolare 12/2010 aveva espressamente riconosciuto che in assenza di tale modello il credito Iva indicato nella dichiarazione annuale si intende imputato in detrazione e/o in compensazione. Inoltre, i giudici di legittimitĂ , condividendo la decisione di secondo grado, hanno dato particolare rilievo all’istanza presentata dalla societĂ  dopo la ricezione dell’avviso bonario. Con tale atto, infatti, la contribuente aveva esternato tempestivamente la volontĂ  di non attivarsi per ottenere il rimborso, escludendo cosĂŹ qualunque intento evasivo o elusivo finalizzato alla duplicazione del diritto di credito. La decisione è particolarmente importante perchĂŠ sottolinea la rilevanza di simili istanze nella difesa del contribuente. Possono, infatti, dimostrare all’amministrazione eventuali errori (e come tali involontari) commessi dal contribuente, senza che a ciò debba necessariamente conseguire un aggravio di oneri, pur in assenza di danni concreti per l’erario. Alla luce della condivisibile interpretazione della Cassazione è auspicabile che anche gli Uffici inizino a considerare le “risposte” dei contribuenti agli avvisi bonari.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Patto salva-spesa, arriva bollino tricolore

(Adnkronos) - La riconoscibilità dei prodotti scontati o a prezzi fissi sarà garantita da un bollino tricolore del Governo con la scritta 'Trimestre anti inflazione' e anche gli esercizi che aderiranno all’iniziativa saranno riconoscibili con un’apposita vetrofania, riportante il logo (bollino) tricolore. E' quanto si legge nel protocollo d'intesa del Trimestre anti inflazione firmato oggi

Meloni ‘toglie’ le transenne, Piazza Colonna riapre al pubblico

(Adnkronos) - Piazza Colonna riapre al pubblico. La piazza su cui si affaccia palazzo Chigi, per molti anni off-limits, torna a essere fruibile per cittadini e turisti. Questa mattina sono state tolte le transenne che impedivano l'accesso, dando cosĂŹ attuazione a una precisa volontĂ  di Giorgia Meloni. Sin dal suo insediamento, a quanto si apprende

VIDEO | Il caso dell’italiano Al-Qaisi detenuto in Israele, Amnesty: “All’udienza dell’1 ottobre sia scarcerato”

ROMA – A quasi un mese dall’arresto di Khaled El-Qaisi, studente universitario italo-palestinese di 23 anni fermato il 31 agosto dalla polizia israeliana, la rappresentante campagne di Amnesty International Tina Marinari si dice “molto preoccupata”. In una intervista con l’agenzia Dire a margine di una conferenza alla Stampa estera stamani a Roma, l’attivista riferisce che