I commercialisti: l’e-fattura deve essere graduale

Fattura elettronica, minimi, Irpef, Irap e Tasi sono tra i temi affrontati ieri dai commercialisti in audizione in Commissione finanze al Senato dove si è parlato di semplificazione fiscale. Il presidente della categoria Massimo Miani si è presentato in audizione, insieme ai consiglieri Maurizio Postale Gilberto Gelosa, con un documento di 57 pagine e con 43 proposte di intervento o modifica. Alcune urgenti. È il caso dell’obbligo di fattura elettronica che dovrebbe partire dal 1° gennaio e che, per i commercialisti, «rischia di trovare mold contribuenti impreparati». Si suggerisce la sterilizzazione delle sanzioni legate all’adempimento fino al 3o giugno 2019 e un avvio scaglionato, dove partono le imprese quotate e quelle di grandi dimensioni per arrivare a regime nel 2022; in alternativa si chiede “almeno” la proroga di un anno peri contribuenti in semplificata. I commercialisti lanciano l’ allarme sugli effetti distorsivi e controproducenti dell’estensione del regime dei minimi ai professionisti con fatturato entro i ioomila euro: se viene mantenuto il vincolo della non partecipazione a società o ad associazioni professionali – mettono in guardia – si determinerà una spinta significativa alla parcellizzazione delle attività professionali e al nanismo imprenditoriale. Ed è solo uno dei problemi. Altri effetti sarebbero l’«esplosione del sommerso nell’acquisto di beni e nei contratti di lavoro» e un indebitovantaggio concorrenziale per alcuni professionisti. La categoria, calcoli alla mano, spiega lo scarso impatto- massimo 12,5 euro al mese – di un abbassamento dell’Irpef dal 23 al 22%, che costerebbe al sistema 4,3 miliardi, mentre suggerisce di eliminare l’Irap per introdurre – aparità di gettito – un’addizionale regionale all’Ires e di inglobare la Tasi nell’Imu per evitare la duplicazione di tributi praticamente uguali. Che il fisco nostrano abbia bisogno di semplificazione è cosa nota ma forse mold ignorano che nel Tuir molti parametri sono ancora espressi in lire; «in alcuni casi – riconoscono i commercialist’ – il mancato aggiornamento è dovuto a questioni di gettito»: in altri casi noma determina un appesantimento delle procedure amministrative e quindi «una maggior complessità fiscale».

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell'Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L'estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi patrocinato dal Comune di Milano all'insegna di

Vino, presidente Veneto Zaia incontra ministro Lollobrigida

"Difendere un comparto strategico" Venezia, 6 giu. (askanews) – Il ministro dell'Agricoltura della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, e il presidente della Regione Veneto Luca Zaia si sono incontrati questo pomeriggio a Roma, al Masaf, per continuare a elaborare strategie di promozione e tutela dei vini di Conegliano Valdobiaddene. "Dopo il protocollo d'intesa