La rottamazione ter con 260 mila domande

Rottamazione ter in crescita rispetto alla precedente edizione. In tre mesi sono 260 mila le istanze presentate nn +20% rispetto alle richieste della rottamazione bis. A fare nn bilancio Ăš l’Agenzia della riscossione con una nota in cui comunica l’aggiornamento della modulistica e delle istruzioni. «Da ieri», si legge nella nota, «la definizione agevolata delle cartelle diventa per tutti, anche per chi non Ăš in regola con i pagamenti della «rottamazione bis». È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n. 12/2019 di conversione del Decreto semplificazioni (decreto legge n. 135/2018) che apre le porte della «rottamazione ter» anche ai contribuenti che non avevano pagato le rate in scadenza lo scorso 7 dicembre. Agenzia delle entrate-Riscossione ha adeguato alle novitĂ  normative i modelli di adesione che giĂ  da ieri sono disponibili sul sito internet e agli sportelli dell’Ente (modello DA- 2018 e modello SA-ST)». Con il decreto semplificazioni da ieri Ăš possibile, dietro presentazione del modello di adesione, l’accesso alla cosiddetta rottamazione ter anche per i contribuenti che non hanno provveduto al pagamento previsto entro il 7 dicembre 2018 delle rate della «rottamazione bis» (di 148/2017) scadute nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018. Per questi debiti Ăš possibile suddividere il dovuto in 10 rate consecutive di pari importo con scadenza 31 luglio e 30 novembre 2019, e poi febbraio, maggio, luglio e novembre degli anni 2020 e 2021 (la rottamazione ordinaria prevede 18 rate e termina nel 2023). Resta sempre la possibilitĂ  di versare le somme dovute a titolo di definizione agevolata in un’unica soluzione entro il 31 luglio 2019. Il Decreto semplificazioni introduce delle novitĂ  anche per chi Ăš interessato al «saldo e stralcio», ossia la definizione agevolata dei debiti a favore delle persone fisiche che si trovano in una situazione di grave e comprovata difficoltĂ  economica. Nel caso di inammissibilitĂ  della domanda per il «saldo e stralcio», le cartelle non in regola con i pagamenti del 7 dicembre, vengono automaticamente ricondotte nell’ambito della «rottamazione ter» con ripartizione del debito in 9 rate. Un’ulteriore novitĂ  riguarda l’allineamento delle scadenze della definizione agevolata 2018 per le risorse UE e per l’imposta sul valore aggiunto riscossa all’importazione a quelle della «rottamazione ter» (18 rate in 5 anni). Dopo trĂ© mesi dalla partenza, la «rottamazione ter» delle cartelle ha giĂ  totalizzato oltre 260 mila domande di adesione, con un incremento di circa il 20% rispetto alle richieste di «rottamazione bis» presentate l’anno scorso nel medesimo arco temporale di riferimento. Il dato, aggiornato al 7 febbraio 2019, si riferisce alle richieste di definizione agevolata presentate a partire dallo scorso 6 novembre quando Agenzia Riscossione ha pubblicato i modelli per fare domanda.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Patto salva-spesa, arriva bollino tricolore

(Adnkronos) - La riconoscibilità dei prodotti scontati o a prezzi fissi sarà garantita da un bollino tricolore del Governo con la scritta 'Trimestre anti inflazione' e anche gli esercizi che aderiranno all’iniziativa saranno riconoscibili con un’apposita vetrofania, riportante il logo (bollino) tricolore. E' quanto si legge nel protocollo d'intesa del Trimestre anti inflazione firmato oggi

Meloni ‘toglie’ le transenne, Piazza Colonna riapre al pubblico

(Adnkronos) - Piazza Colonna riapre al pubblico. La piazza su cui si affaccia palazzo Chigi, per molti anni off-limits, torna a essere fruibile per cittadini e turisti. Questa mattina sono state tolte le transenne che impedivano l'accesso, dando cosĂŹ attuazione a una precisa volontĂ  di Giorgia Meloni. Sin dal suo insediamento, a quanto si apprende

VIDEO | Il caso dell’italiano Al-Qaisi detenuto in Israele, Amnesty: “All’udienza dell’1 ottobre sia scarcerato”

ROMA – A quasi un mese dall’arresto di Khaled El-Qaisi, studente universitario italo-palestinese di 23 anni fermato il 31 agosto dalla polizia israeliana, la rappresentante campagne di Amnesty International Tina Marinari si dice “molto preoccupata”. In una intervista con l’agenzia Dire a margine di una conferenza alla Stampa estera stamani a Roma, l’attivista riferisce che