Famiglia, scontro M5S-Lega sul patrocinio del governo al Congresso di Verona

Con queste premesse, a fine mese Lega e Movimento 5 Stelle si potrebbero ritrovare divisi su aborto, coppie omosessuali, orientamenti dei programmi scolastici, politiche su crescita demografica e surrogazione di maternità, bollata come “utero in affitto”. Se ne parlerà a Verona dal 29 al 31 marzo, al Congresso mondiale delle famiglia. L’approccio ‘tradizionalista’ già incarnato in Parlamento dal senatore leghista Simone Pillon. Per i pentastellati, l’esecutivo non dovrebbe dare il patrocinio al World Congress of Families (Wcf). La Lega, invece, sponsorizza l’evento e schiera la sua nomenclatura locale e nazionale. Nel capoluogo veneto, infatti, ci sarà il vicepremier Matteo Salvini. Ad aprire le danze sarà il “padrone di casa” Lorenzo Fontana, ministro della Famiglia ed ex vicesindaco di Verona. Accanto a lui, ci sarà la sua omologa ungherese, Katalin Novak. E non mancherà nemmeno Marco Bussetti, ministro dell’Istruzione. Saliranno sul palco anche lo stesso senatore Pillon, promotore di un controverso ddl sull’affido condiviso, e Massimo Gandolfini, l’organizzatore del Family Day. Domenica 31, in mattinata, i partecipanti diranno messa in Duomo, alla Basilica di San Zeno, e in diverse altre chiese veronesi. A mezzogiorno, poi, si terrà una grande marcia che partirà da piazza dei Signori, a pochi passi dalle case di Romeo e Giulietta, per arrivare a piazza Brà, dove si affaccia l’Arena. Ad opporsi all’evento, bollato come “convegno che alimenta odio e discriminazione”, sono associazioni progressiste come Arcigay, Agedo, Certi diritti, lo studioso degli studi di genere Mario Mieli e le Famiglie arcobaleno, che hanno promosso una petizione. Sensibile a queste posizioni è Vincenzo Spadafora, sottosegretario con delega alle Pari opportunità. A suo parere, il governo ritirerà il patrocinio già assegnato all’evento. “Il segretario generale di Palazzo Chigi ha chiuso un’istruttoria importante, e ha chiesto al dipartimento dell’Editoria e a quello della Famiglia di ritirare il patrocinio”, dice Spadafora. La deputata M5S Francesca Businarolo, neo-presidente della commissione Giustizia della Camera, si schiera con Spadafora e si dice felice che sia stato ritirato il patrocinio. Ma, come fa notare una deputata dem, il simbolo di Palazzo Chigi continua a campeggiare sul sito  wcfverona.org. E gli organizzatori, da parte loro, liquidano gli attacchi come “polemichette” da parte di “produttori di fake news che si perdono in un bicchier d’acqua”.  

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Morto a 45 anni Thomas Kingston, era marito di Lady Gabriella Windsor

(Adnkronos) - Nuovo dramma per la famiglia reale britannica. E' morto improvvisamente all'età di 45 anni Thomas Kingston, il marito della figlia del Principe e della Principessa Michael di Kent, Lady Gabriella Kingston. Lady Gabriella, riferisce 'Skynews', ha reso omaggio al suo compagno, affermando in una dichiarazione congiunta con la famiglia che era un "uomo

Regionali Sardegna, Meloni: “Sconfitta stimolo a migliorarsi e mettersi in gioco”

(Adnkronos) - "La mia valutazione" sulla sconfitta alle elezioni regionali 2024 in Sardegna è che "se, nonostante le liste di centrodestra avessero la maggioranza dei consensi non siamo riusciti a vincere con il candidato presidente, qualcosa è stato sbagliato. Dispiace ma penso che le sconfitte siano anche un'occasione per mettersi in discussione. Lo prendo come

Pena di morte sospesa, iniezione letale su detenuto fallita per 10 volte

(Adnkronos) - Hanno tentato per quasi un'ora di inserire l'ago per l'iniezione letale al condannato legato al lettino nella stanza della morte, ma alla fine le autorità carcerarie dell'Idaho hanno dovuto sospendere l'esecuzione di Thomas Eugene Creech, condannato per 5 omicidi.  "Il team medico non ha potuto stabilire la linea endovenosa, rendendo impossibile procedere con