Fisco, 41,2 milioni di italiani hanno dichiarato al fisco. Tredici milioni non versano Irpef

Circa 41,2 milioni di contribuenti hanno assolto l’obbligo dichiarativo nel 2018  Il numero totale dei contribuenti è aumentato di circa 340.000 soggetti ( 0,83%) rispetto all’anno precedente. Sono i primi dati forniti dal Ministero dell’Economia e Finanze (Mef) sulle dichiarazioni dell’anno scorso (2018 su redditi 2017). Il reddito complessivo totale dichiarato dagli italiani ammonta nel 2018 a circa 838 miliardi di euro (-5 miliardi rispetto all’anno precedente, -0,6%) per un valore medio di 20.670 euro, in flessione dell’1,3% rispetto al reddito complessivo medio dichiarato l’anno precedente. Il calo del reddito complessivo totale e medio è dovuto in parte agli effetti transitori dell’introduzione del regime per cassa per le imprese in contabilità semplificata ed in parte al calo del reddito da lavoro dipendente. L’imposta netta totale dichiarata è pari a 157,5 miliardi di euro, ( 0,9% rispetto all’anno precedente). Il 45% dei contribuenti si colloca nella fascia di reddito fino a 15.000 euro (e dichiara solo il 4% dell’Irpef totale); in quella tra i 15.000 e i 50.000 euro si posiziona circa il 50% dei contribuenti, che dichiara il 57% dell’Irpef totale, mentre solo il 5,3% dei contribuenti dichiara più di 50.000 euro, versando il 39,2% dell’Irpef totale. Al netto degli effetti del bonus 80 euro, l’imposta netta Irpef risulta pari in media a 5.140  euro e viene dichiarata da circa 30,7 milioni di soggetti, pari a circa il 75% del totale dei contribuenti. Oltre 10,5 milioni di soggetti hanno un’imposta netta pari a zero. Si tratta prevalentemente di contribuenti con livelli reddituali compresi nelle soglie di esenzione, ovvero di coloro la cui imposta lorda si azzera per effetto delle detrazioni riconosciute dal nostro ordinamento. Inoltre, considerando i soggetti la cui imposta netta è interamente compensata dal bonus 80 euro, i soggetti che di fatto non versano l’Irpef salgono a circa 12,9 milioni. L’analisi territoriale delle dichiarazioni Irpef 2018  conferma che la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (24.720 euro), seguita dalla Provincia Autonoma di Bolzano (23.850 euro), mentre la Calabria presenta il reddito medio più basso (14.120 euro); anche nel 2017, quindi, rimane  cospicua la distanza tra il reddito medio delle regioni centro-settentrionali e quello delle regioni meridionali.  I redditi da lavoro dipendente e da pensione rappresentano circa l’84% del reddito complessivo dichiarato, nello specifico, il reddito da pensione rappresenta circa il 30% del totale del reddito complessivo. Il reddito medio più elevato è quello da lavoro autonomo, pari a 43.510 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori (titolari di ditte individuali) è pari a 22.110 euro. Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è pari a 20.560 euro, quello dei pensionati a 17.430 euro. Infine, il reddito medio da partecipazione in società di persone ed assimilate risulta di 18.380 euro. Si ricorda che la quasi totalità dei redditi da capitale è soggetta a tassazione sostitutiva e non rientra pertanto nell’Irpef. L’analisi dell’andamento dei redditi medi delle singole categorie di contribuenti evidenzia che, in confronto al 2016, crescono in misura significativa i redditi medi da lavoro autonomo ( 4,2%) e d’impresa ( 3,8%, al netto dei soggetti in perdita)[7],  anche per effetto delle crescenti adesioni al regime forfetario: la fuoriuscita dalla tassazione ordinaria di imprenditori e lavoratori autonomi di piccole dimensioni, che dichiarano normalmente redditi bassi, determina infatti un aumento del reddito medio dichiarato soggetto a Irpef ordinaria. Cresce anche il reddito medio da partecipazione ( 2,2%).      

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Musumeci: “100 anni degli ingegneri orgoglio per la categoria e per gli italiani”

(Adnkronos) - "I 100 anni degli ingegneri sono motivo di orgoglio per la categoria e per tutti gli italiani". A dirlo il ministro per la Protezione civile e le politiche del mare, Nello Musumeci, intervenendo al 67° Congresso nazionale degli ordini degli ingegneri d'Italia, in corso a Catania. "Scelta felice si scegliere Catania - spiega -

Ucraina, ammiraglio Sokolov in tv: “Flotta Mar Nero lavora con successo”

(Adnkronos) - Nuovo capitolo del giallo che circonda le sorti dell'ammiraglio russo, Viktor Sokolov, dato per morto dagli ucraini nell'attacco del 22 settembre a Sebastopoli, in Crimea. Il comandante della flotta del Mar Nero, riporta l'agenzia di stampa Ria Novosti, è comparso sul canale Zvezda del ministero della Difesa russo, dichiarando in un'intervista che i

Clima, livello mare nel 2100 fino a un metro in più rispetto a oggi

Scenario possibile se emissioni continueranno al ritmo attuale Roma, 27 set. (askanews) – Se le emissioni di gas serra continueranno al ritmo attuale, nel 2100 il livello del mare sulla Terra potrebbe aumentare anche fino a un metro, con danni sempre maggiori per mareggiate e fenomeni estremi. La prospettiva arriva da uno studio pubblicato sulla