M5S, ‘caos calmo’ in attesa delle europee. Incertezza sul futuro di Di Battista

Che fine ha fatto Alessandro Di Battista? Se lo chiedono in molti nel Movimento 5 Stelle. Qualcuno, come Gianluigi Paragone, anche a voce alta, ma al momento pare proprio che il ‘pasionario’ pentastellato non ne voglia sapere di ritornare in campo. Qualche voce di dentro suggerisce per la delusione del trattamento subito, qualche altra perchĂ© non vuole farsi “bruciare” da una possibile debacle del M5S alle elezioni europee, mentre la maggioranza della truppa alza semplicemente le spalle: “Affari suoi e nessuno deve metterci becco”. Che Dibba possa essere il prossimo leader del Movimento non è un inedito, nĂ© un calcio negli stinchi dell’attuale capo politico. Quello che tanti ignorano, o fingono di ignorare, è che la stagione di Luigi Di Maio non si potrĂ  archiviare tanto facilmente. Non solo politicamente, ma anche a livello tecnico. PerchĂ© il vicepremier è anche il co-fondatore della nuova associazione M5S assieme a Davide Casaleggio. Carta canta: l’atto costitutivo del 20 dicembre 2017 è piĂą di un’assicurazione sul fatto che sarĂ  difficile metterlo da parte. Anche l’ala sinistra della pattuglia, ormai arrivata al limite della sopportazione per la convivenza con Matteo Salvini, dovrĂ  studiare nuove strategie per riprendersi un pezzo di ‘sovranitĂ ’ interna. Roberto Fico non ha nessuna intenzione di organizzare ‘trappole’ per il collega Di Maio – “non è nel suo Dna”, racconta chi lo conosce bene -, ma continua comunque a raccogliere e registrare il malcontento dei parlamentari che provengono dalla sua stessa storia politica. Le elezioni europee saranno di sicuro uno spartiacque nel cammino dei Cinquestelle, che intanto portano a casa la richiesta di archiviazione per il braccio destro di Virginia Raggi, l’assessore Daniele Frongia, indagato nell’ambito dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Della serie: ogni tanto una gioia. Visto che i sondaggi non sono positivi e il trend non si schioda dalla forchetta 18-21%, prospettando un pericoloso testa a testa con il Partito democratico per il secondo posto dietro la Lega. Col sorpasso si aprirebbe una crisi profonda, ma se Di Maio e i suoi uscissero dalle urne con un vantaggio di almeno 3 punti percentuali sulla squadra di Nicola Zingaretti – spiega un graduato dei gialli -, non sarebbe un dramma. Ci sarebbero ancora spunti comunicativi per rimanere in piedi, del tipo: non sono consultazioni politiche, siamo comunque la seconda forza politica del Paese, il consenso per il governo cresce sommando i voti con quelli del Carroccio, gli effetti delle politiche economiche si dispiegheranno nel tempo. Addirittura ci potrebbero essere dei veri e propri capri espiatori da offrire alla pubblica piazza, come il gioco politico della Commissione Ue uscente o colpire direttamente chi dall’interno ha rallentato l’iter del reddito di cittadinanza, bloccando il dibattito per mesi su uno zero virgola di deficit. Ogni cosa a tempo debito, però. Nel frattempo, chi ha notizie di Di Battista scriva al M5S.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): “Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera”

(Adnkronos) - "Lunedì il nostro incontro con il governo è previsto alle 8.30, poi alle 10 le imprese e alle 12 il Cdm. Ma noi vogliamo una trattativa e un confronto vero, altrimenti l'esecutivo andrà avanti come ha fatto finora senza confrontarsi con chi su questi temi si misura ogni giorno". Così, con Adnkronos/Labitalia, Antonio

Mosca: “Insulti Biden a Putin? Pensi al figlio Hunter”

(Adnkronos) - Il presidente americano Joe Biden, dopo aver usato l'espressione 'pazzo, figlio di p...' per rivolgersi al leader russo Vladimir Putin, dovrebbe ricordarne l'associazione, negli Usa, al figlio Hunter. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, suo canale Telegram. "La prossima volta che Joe Biden decide di usare l'espressione

Fedez e Chiara Ferragni, parla la madre del rapper: “Speriamo vada tutto bene”

(Adnkronos) - "Tutti quanti ci auguriamo che tutto vada bene". Annamaria Berrinzaghi, detta Tatiana, mamma e manager di Fedez, non va oltre queste poche parole al telefono con l'Adnkronos che le chiede un commento sulla crisi del matrimonio del figlio con Chiara Ferragni, tra indiscrezioni che fanno riferimento ad una separazione maturata da giorni, con