M5S, Sarti: Bugani e il M5S non c’entrano con hackeraggio mie foto

Milano, 19 mar. (LaPresse) – “Per evitare che si alimentino ulteriori assurditĂ , chiariamo una volta per tutte: Max Bugani e il M5S non c’entrano nulla con l’hackeraggio che ho subìto nel 2013. Sul resto delle dichiarazioni di Giovanni Favia al Corsera, mi astengo dal commentare ricostruzioni prive di senso”. Lo scrive sul suo profilo Twitter la deputata autosospesa del M5S, Giulia Sarti, ex presidente della commissione Giustizia di Montecitorio, tornata con un messaggio pubblico dopo lo scoppio della nuova bufera mediatica sulla cosiddetta ‘Rimborsopoli’ pentastellata, seguita dal ritorno in rete delle foto senza veli rubate dalla sua posta elettronica all’inizio della scorsa legislatura.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Gaza, caos aiuti umanitari. Cnn: “Beni respinti da Israele in maniera arbitraria”

(Adnkronos) - Le autoritĂ  israeliane ostacolano l'invio di aiuti umanitari a Gaza con criteri "arbitrari e contraddittori". Lo afferma la Cnn, dopo aver sentito oltre una ventina di operatori umanitari. Fra i beni respinti dal Cogat, l'ente israeliano di coordinamento per i territori palestinesi, responsabile per il passaggio degli aiuti, figurano anestetici e macchine per

Valencia-Real Madrid 2-2, gol fantasma allo scadere e polemiche

(Adnkronos) - Il Real Madrid pareggia 2-2 sul campo del Valencia nel match della 27esima giornata della Liga. I blancos vanno a segno con Vinicius (50’ e 76’) e rimontano dopo i gol di Hugo Duro (27’) e Yaremchuk (30’). La sfida si infiamma allo scadere. Il Real Madrid batte l’ultimo corner alla fine del

Dossieraggio su politici e vip, circa 800 accessi abusivi: da Allegri a Valditara chi sono gli ‘spiati’

(Adnkronos) - Dal mondo della politica a quello dell’economia sono decine i nomi di personaggi noti finiti nelle ricerche in banche dati compiute dall’ufficiale di polizia giudiziaria Pasquale Striano, indagato dalla Procura di Perugia per accesso abusivo a sistema informatico. Sul registro degli indagati compaiono una quindicina di persone, tra cui anche il sostituto procuratore