Pd, da Gentiloni a Sassoli: Zingaretti studia la rosa di nomi per la sua squadra

La parola d’ordine del Pd di Nicola Zingaretti sarà “unità”. Niente scatti in avanti del leader, profilo basso e dialogo: almeno questa sarà la ricetta iniziale. Anche la segreteria che varerà entro poche settimane rispecchierà la personalità del segretario, che vuole recuperare una fetta di base che si era allontanata dopo la debàcle al referendum costituzionale del 4 marzo 2016. I primi nomi che circolano sono quelli del team più stretto della sua campagna congressuale, in primis Paolo Gentiloni, destinato alla presidenza del partito. Per la carica di tesoriere al posto del renziano Francesco Bonifazi, dopo il no incassato da Antonio Misiani, i primi rumors suggeriscono di tenere d’occhio Paola De Micheli, ex lettiana di ferro ed ex commissario governativo alla ricostruzione post sisma 2016. Della nuova squadra dovrebbe far parte anche l’eurodeputato David Sassoli, l’ex segretario del Pd Roma, Marco Miccoli, il suo braccio destro in Regione, Massimiliano Smeriglio, e non è escluso che possa essere coinvolta pure Monica Cirinnà, la senatrice che nella scorsa legislatura mise la firma alla legge sulle unioni civili. Almeno un paio di posti in segreteria saranno, poi, riservati alla corrente di Dario Franceschini, il primo dei ‘big’ a schierarsi apertamente per il presidente della Regione Lazio, che sarebbe indeciso sui nomi da indicare. Della rosa di Zingaretti potrebbero far parte anche un esponente vicino a Goffredo Bettini, attuale europarlamentare, per anni ‘anima’ del partito capitolino. Per realizzare una dirigenza che coinvolga il più ampio consenso interno, però, il governatore dovrà necessariamente tendere la mano anche al secondo classificato, Maurizio Martina, a cui sarà data la possibilità di scegliere almeno un componente della prossima segreteria. Nessuna apertura invece a Matteo Renzi, al quale non saranno riservati né fuochi di fila, né tantomeno tappeti rossi. Zinga ha bisogno di tirare una riga sul recente passato, forte anche della grande partecipazione popolare e della robusta affermazione. Senza gesti eclatanti, però. Anche il cambio di rotta sulla comunicazione, infatti, avverrà gradualmente e senza scossoni, proprio per ridurre al minimo i rischi di polemiche a ridosso delle prime due sfide a cui il neo leader sarà chiamato: le elezioni europee e le regionali in Piemonte. Perché entrambi gli appuntamenti avranno una ricaduta a livello nazionale. Il dossier Tav insegna.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele pronto a 6 settimane di tregua. Primi aiuti Usa lanciati su Gaza

(Adnkronos) - Israele sarebbe vicino ad accettare una proposta di cessate il fuoco di sei settimane per Gaza, secondo un alto funzionario dell'amministrazione Usa a diversi organi di informazione statunitensi, due giorni dopo che più di 100 palestinesi sono morti mentre cercavano di accedere ai camion degli aiuti nel territorio. Il funzionario ha dichiarato che

Il Liceo Tasso si fa museo, in mostra opere classiche pubbliche inedite rubate o dimenticate

Dal 16 marzo nello storico esposte opere d'arte inedite, studenti alllestitori e guide. Accordo Ministero-scuola per valorizzaee "cultura classica made in Italy" Roma, 3 mar. (askanews) – "Il ritmo dell vita degli uomini": Roma 16 marzo-19 maggio". Ovvero opere d'arte classiche inedite recuperate dal nucleo antifrodi dei Carabinieri o che vivono abitualmente minuziosamente archiviate ma

Renato Zero: “Non è tempo di pensione ma di palco e piazze”

(Adnkronos) - "Siamo qui per stabilire che non vogliamo andare in pensione e che a 73 anni suonati io mi permetto ancora qualche passetto di danza e di non farmi mancare il fiato dopo aver fatto tre pezzi di seguito, di quelli che non ti fanno respirare. Ed è innanzitutto una sfida per dimostrare a