Pd, da Gentiloni a Sassoli: Zingaretti studia la rosa di nomi per la sua squadra

La parola d’ordine del Pd di Nicola Zingaretti sarĂ  “unitĂ ”. Niente scatti in avanti del leader, profilo basso e dialogo: almeno questa sarĂ  la ricetta iniziale. Anche la segreteria che varerĂ  entro poche settimane rispecchierĂ  la personalitĂ  del segretario, che vuole recuperare una fetta di base che si era allontanata dopo la debĂ cle al referendum costituzionale del 4 marzo 2016. I primi nomi che circolano sono quelli del team piĂš stretto della sua campagna congressuale, in primis Paolo Gentiloni, destinato alla presidenza del partito. Per la carica di tesoriere al posto del renziano Francesco Bonifazi, dopo il no incassato da Antonio Misiani, i primi rumors suggeriscono di tenere d’occhio Paola De Micheli, ex lettiana di ferro ed ex commissario governativo alla ricostruzione post sisma 2016. Della nuova squadra dovrebbe far parte anche l’eurodeputato David Sassoli, l’ex segretario del Pd Roma, Marco Miccoli, il suo braccio destro in Regione, Massimiliano Smeriglio, e non è escluso che possa essere coinvolta pure Monica CirinnĂ , la senatrice che nella scorsa legislatura mise la firma alla legge sulle unioni civili. Almeno un paio di posti in segreteria saranno, poi, riservati alla corrente di Dario Franceschini, il primo dei ‘big’ a schierarsi apertamente per il presidente della Regione Lazio, che sarebbe indeciso sui nomi da indicare. Della rosa di Zingaretti potrebbero far parte anche un esponente vicino a Goffredo Bettini, attuale europarlamentare, per anni ‘anima’ del partito capitolino. Per realizzare una dirigenza che coinvolga il piĂš ampio consenso interno, però, il governatore dovrĂ  necessariamente tendere la mano anche al secondo classificato, Maurizio Martina, a cui sarĂ  data la possibilitĂ  di scegliere almeno un componente della prossima segreteria. Nessuna apertura invece a Matteo Renzi, al quale non saranno riservati nĂŠ fuochi di fila, nĂŠ tantomeno tappeti rossi. Zinga ha bisogno di tirare una riga sul recente passato, forte anche della grande partecipazione popolare e della robusta affermazione. Senza gesti eclatanti, però. Anche il cambio di rotta sulla comunicazione, infatti, avverrĂ  gradualmente e senza scossoni, proprio per ridurre al minimo i rischi di polemiche a ridosso delle prime due sfide a cui il neo leader sarĂ  chiamato: le elezioni europee e le regionali in Piemonte. PerchĂŠ entrambi gli appuntamenti avranno una ricaduta a livello nazionale. Il dossier Tav insegna.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Kosovo: il Comandante KFOR Ristuccia fa visita ai militari italiani feriti negli scontri

ROMA - Il Comandante della Missione Nato-KFOR, Generale di Divisione Angelo Michele Ristuccia, ha fatto visita ai militari italiani rimasti feriti negli scontri dello scorso 29 maggio. Ricevuto dal Comandante del Regional Command West di KFOR, Colonnello Mario Bozzi, si è recato presso l’infermeria di Camp Villaggio Italia a Pec/Peje, dove ha voluto rivolgere alcune

Made in Italy, Federalimentare: Ddl iniziativa di alto valore

Mascarino: nostra industria può dare un grande contributo Roma, 1 giu. (askanews) – "Il disegno di legge approvato ieri dal Consiglio dei ministri, che introduce disposizioni per la valorizzazione, la promozione e la tutela del Made in Italy, è un'iniziativa dall'alto valore sociale ed economico mirata allo sviluppo del Paese, al quale l'industria alimentare può

Tibus: pronto il progetto che rivoluziona l’Autostazione di Roma

Giovanni Bianco: "Migliorerà la funzionalità, riqualificando anche l'area" Roma, 1 giu. (askanews) – "Incrementare la funzionalità dei servizi dell'Autostazione Tibus di Roma attraverso la riqualificazione e valorizzazione del territorio in cui si colloca il terminal. A questo obiettivo punta il progetto di finanza "Il bosco, la piazza, l'autobus e il treno", approvato dall'assemblea dei soci