Revenge porn, Bonafede: “Serve legge a 360 gradi, non basta un tassello”

“Serve una legge a 360 gradi”. Così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede in merito all’emendamento al Codice Rosso sul tema del revenge porn, respinto ieri alla Camera, il cui voto è slittato a martedì 2 aprile. “Se mettiamo un primo tassello martedì diamo un segnale forte. Ma non si dica che con questo tassello il problema è risolto”, aggiunge Bonafede.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Primarie, Follini: “Scomparse da orizzonte, imbarazzato tramonto”

(Adnkronos) - "Le primarie dei partiti per designare leader e candidati sono silenziosamente scomparse dal nostro orizzonte. Il loro battesimo era stato celebrato a suo tempo tra squilli di trombe e rulli di tamburo. Il loro funerale sembra piuttosto avvenire nella forma di un mesto, silenzioso, quasi imbarazzato tramonto.  Si dirà che il mito dei

Mattarella: “Tutela diritti umani esigenza irrinunciabile per la Repubblica”

(Adnkronos) - "Ricorre oggi il 75° anniversario dell'approvazione da parte dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Oggi come allora l'importanza di quel documento consiste nell'anteporre all'esercizio del potere l'inalienabile dignità inerente alla persona. Ciò ha consentito di costruire un'architettura internazionale improntata al rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali di

Giulia Cecchettin, il neurologo: “Turetta esempio di sottovalutazione clinica del disagio mentale”

(Adnkronos) - Il caso Filippo Turetta, il giovane che ha ucciso la fidanzata Giulia Cecchettin, "è l'esempio di una sottovalutazione clinica di un problema: se fosse stato approcciato da un medico specialista si sarebbe potuta ridurre la rabbia, le ossessioni e il tormento di questo ragazzo. Poi una volta stabilizzato allora si poteva intervenire con