Salvini: Cittadinanza a Ramy? Solo se non andrà a persone con precedenti

Milano, 25 mar. (LaPresse) – “La cittadinanza a Ramy? Io non vedo l’ora di incontrarlo e abbracciarlo. Mi piacerebbe molto dargli la cittadinanza, ma stiamo facendo tutti approfondimenti del caso, che ovviamente non riguardano la storia di un ragazzino di 13 anni… ma se gliela concedo, devo avere la matematica certezza che la cittadinanza non vada a persone con precedenti pensali. Cosa si capisce da questo?”. Lo dice il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, alla presentazione del nuovo libro di Mario Giordano. “Renzi avrebbe fatto così, senza controllare nessuno sarebbe arrivato con 18 cittadinanze, poi cosa succedeva dopo chi se ne frega – aggiunge -. Io ho la vaga sensazione che questo ragazzo venga usato come paladino di una certa sinistra. Spero di potergli dare la cittadinanza anche domani”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Torino-Fiorentina 0-0, gol di Zapata annullato al 38′

(Adnkronos) - Finisce 0-0 il match tra Torino e Fiorentina, valido per la 27esima giornata del campionato di calcio di serie A. Al 18' grande azione personale di Zapata, che si porta dietro tutta la difesa viola e calcia di forza ma la palla si alza sopra la traversa. Un minuto dopo occasione per Vlasic

Incidente a Vasto, scontro frontale tra due auto: tre morti e un ferito grave

(Adnkronos) - Tre morti e un ferito in gravi condizioni: è il bilancio dell'incidente stradale avvenuto questa sera intorno alle 20:30 lungo la strada statale 16 nel territorio di Vasto, nei pressi della Spiaggia di Casarza. Secondo quanto riporta 'Vastoweb', una Jeep Renegade, per motivi al vaglio dei carabinieri della stazione locale, è finita fuori

Meloni: ottimo rapporto con Mattarella, sinistra vuol creare crepa

"Lo usano per campagna contro premierato. Riconteggio Sardegna? Aspettiamo dati" Toronto, 2 mar. (askanews) – "Ce l'avevo con la sinistra, con diversi parlamentari della sinistra, e non con Mattarella". Così Giorgia Meloni cerca di chiudere il 'caso' nato dalle sue dichiarazioni di quattro giorni fa in cui aveva definito "pericoloso togliere il sostegno delle istituzioni"