Salvini, ultimatum a Tria: “Firmi i decreti per i risparmiatori truffati, o lo facciamo noi”

Ultimatum (dai toni scherzosi ma dal contenuto “pesante”) di Matteo Salvini al ministro dell’Economia Giovanni Tria. La questione è quella dei decreti per il rimborso dei risparmiatori “raggirati” dalle banche. Salvini pretende da Tria la firma immediata dei decreti. Ma ci sono complicazioni con l’Unione europea che chiede che ci sia il pronunciamento di un giudice o di un arbitro (comunque di un soggetto terzo) sull’esistenza di una truffa in ogni singolo caso. Non basta dunque, per utilizzare il miliardo e mezzo stanziato in Finanziaria, l’istruttoria ministeriale a partire dalle singole domande. Per questo motivo, in attesa del via libera della Ue, Tria non firma i decreti. Ed ecco Salvini: “I rapporti con il ministro Tria, sono eccezionali. Se poi mi firma i decreti attuativi per i rimborsi ai risparmiatori truffati dalle banche lo porto via per il week end. Ieri ero a Treviso e c’è tanta gente che si arrabbia e che ha fame e che ha fretta – quindi non credo si possa aspettare mezz’ora di più. Se mi dice aspettiamo una risposta dall’Europa ne facciamo a meno di queste risposte. Quindi, con tutto il garbo e l’educazione possibile, mi aspetto entro questa settimana i decreti del Mef o altrimenti li andiamo a scrivere noi”. E alla domanda se il governo pensi di fare a meno di Tria, Salvini ha risposto: “No, Tria è parte di una squadra fortissima”.  Rincara la dose Luigi Di Maio, che chiede anche di fare chiarezza su come queste truffe siano state messe in atto: “Qui non basta che il Mef firmi subito il decreto per rimborsare i risparmiatori truffati dalle banche. Qui bisogna anche fare chiarezza su come quelle povere famiglie sono state truffate. Il rimborso deve arrivare subito, questo non va messo nemmeno in discussione, ma bisogna lavorare anche ad altro. Nemmeno qualche giorno fa, i giudici europei, hanno detto che sul caso Tercas si sarebbe potuto utilizzare il Fondo interbancario, il che significa che anche Banca Etruria e gli altri 3 istituti commissariati avrebbero potuto essere ricapitalizzati dallo stesso Fondo, proprio come aveva proposto allora il MoVimento 5 Stelle”.  “C’era una strada che avevamo tracciato, che avrebbe evitato di colpire i risparmiatori e distruggere migliaia di persone, ma nessuno la seguì – rimarca Di Maio – Ora io voglio che la Commissione di inchiesta sui truffati dalle banche parta. Non possiamo aspettare altri 2, 3, 4 mesi. Dobbiamo portare in audizione gli attori coinvolti in quel disastro. Dobbiamo capire cosa accadde. E dobbiamo parallelamente e velocemente riformare le norme a tutela di risparmiatori e investitori. Servono pene severe per chi manipola i mercati, per chi compie truffe bancarie e che ad oggi, sorprendentemente, secondo le normative vigenti, rischia di cavarsela solo con 3 mesi di carcere. Tre mesi, ma ci rendiamo conto? È assurdo! Noi invece vogliamo portare la pena minima a 4 anni, vogliamo che quanto verificatosi non si ripeta mai più. Vogliamo cambiare le cose.  Vogliamo riformare le regole sulla vigilanza bancaria sia in Italia che in Europa e maggiore chiarezza sulle regole in tema di ‘aiuti di Stato’. Lo dico forte e chiaro: su questo punto non accetteremo compromessi. Invito il Mef a firmare subito il decreto e su tutto il resto mettiamoci al lavoro. Con responsabilità e senso dello Stato, mettendo da parte le parole. E arrivando ai fatti”. Chiedono un rapido intervento del Mef anche Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, capigruppo della Lega a Senato e Camera. “I risparmiatori truffati non possono più aspettare. Non servono interventi dall’Europa, ma un segnale forte e chiaro da parte del Mef, con i decreti attuativi per i rimborsi ai risparmiatori truffati dalle banche. Ai risparmiatori vogliamo rispondere con fatti concreti e con il buonsenso: questa è una promessa mantenuta dalla Lega e dal governo, che questa settimana deve diventare realtà con la firma del Ministro competente”.  

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Morbillo, malattia tra le più contagiose: ecco perché preoccupa aumento casi

(Adnkronos) - "L'aumento dei casi di morbillo preoccupa. Parliamo infatti di una delle malattie infettive più contagiose in assoluto: da un caso se ne possono generare 16". Così all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, professore emerito di Malattie infettive e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), che sulla nuova variante recentemente isolata

Omicidio sul lavoro? Gli avvocati: “Basterebbe aggravante specifica”

BOLOGNA – “Un nuova fattispecie di reato non nasce dalla cronaca e non deve servire a placare il popolo che grida ‘giustizia’, ma nasce dalla consapevole necessità di una particolare esigenza punitiva dello Stato valutati molteplici fattori nei quali non rientra il battage mediatico su un accadimento, quand’anche sia di particolare importanza”. Così Giampaolo Di

La Lega salva la vecia, i Panevin e gli altri falò tradizionali: “Stop a polemiche ambientaliste”

VENEZIA – Falò storici salvati dalla stretta antismog. “Brusar la vecia, una tradizione secolare padovana e veneta che non deve andare dispersa con la scusa dell’inquinamento e dello smog“. E dunque “bene ha fatto la Lega a inserire e approvare, all’interno della legge, che ha ricevuto il via libera ieri dalla Camera, ‘sulla salvaguardia delle