Tav, Castelli (M5S): Dico ancora no, è la mia storia

Milano, 5 mar. (LaPresse) – “Se una volta dicevo No alla Tav? Lo dico ancora. È la mia storia, la storia del mio territorio e quella del Movimento. Ora col presente questo si rapporta con le dichiarazioni di Conte: dopo aver fatto il punto tecnico, si aprirà quello politico che si chiuderà entro venerdì”Lo dice Laura Castelli, deputata M5S e sottosegretario all’Economia, oggi al programma di Rai Radio1 ‘Un Giorno da Pecora’. Voi però avete il doppio dei voti della Lega: se avete deciso di non fare la Tav, perché non dite definitivamente no? “Non stiamo mettendo al voto in Parlamento: questo governo, col ministero competente e la Presidenza del Consiglio deve chiudere questa faccenda”, risponde. “Io sono sempre stata No Tav”. Meglio rimanere al governo e non fare la Tav o far cadere l’esecutivo e bloccare l’opera? “Questa non è una logica che ci appartiene”. Esclude che il governo possa cadere sulla Tav, dunque. “Questo governo si basa su un contratto che noi seguiamo”, ha concluso la Castelli a Rai Radio1.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Entra in linea Moby Legacy tra Livorno e Olbia

(Adnkronos) - Moby Legacy, che con la gemella Moby Fantasy ha rivoluzionato il modo di navigare in Italia e che fra Livorno e Olbia offre ai suoi passeggeri un viaggio con il traghetto più grande e green del mondo con standard da nave da crociera e servizi di bordo unici, ora rivoluziona anche le tariffe

Navalny, il corpo non è all’obitorio. La portavoce: “Indagini concluse escludono evento criminale, bugie”

BOLOGNA – È giallo sul corpo di Navalny, l’oppositore di Putin morto ieri nel carcere ‘Lupo polare’ in Siberia. L’avvocato e la madre di Navalny sono arrivati all’obitorio di Salekhard, ma lo avrebbero trovato chiuso. Eppure, avevano avuto indicazioni dalla colonia penale dove Navalny è morto che la struttura fosse funzionante e che lì avrebbero

Il nome dei calciatori sulla maglia? È scritto in Braille

REGGIO EMILIA – In occasione della Giornata nazionale del Braille, il sistema di lettura e scrittura per persone con disabilità visive, la Reggiana scende in campo oggi contro la Ternana indossando, ed è il primo club in Italia a farlo, speciali maglie, realizzate da Macron, sulle quali i nomi dei giocatori sono scritti utilizzando il