Tav, Salvini: “Non fermiamola”, Di Maio: “Sei irresponsabile, sono sbalordito”

Matteo Salvini chiarisce che non vuole far saltare il governo per la Tav, ma continua a tenere il punto nonostante il M5s sia deciso a chiudere definitivamente il capitolo dell’alta velocitĂ  Torino-Lione. “La revisione del’opera ci sta, tutto è migliorabile. Ma fermarla no. Conto che il buon senso prevalga”, ha dichiarato il vicepremier a Rtl 102.5 Parole piĂą pacate di quelle dette poche ore prima su Rete 4. “L’Italia ha bisogno di piĂą infrastrutture, dobbiamo andare avanti non possiamo tornare indietro. Sulla Tav ci sono due posizioni diverse tra Lega e M5S: loro sono contrari, noi favorevoli. Vediamo chi tra me e Di Maio ha la testa piu dura. Io voglio un’Italia che vada avanti non un’Italia che torni indietro”, . aveva dichiarato il ministro dell’Interno intervistato da Paolo Del Debbio su Rete 4 a Dritto e rovescio. “Nessuno mi farĂ  mai cambiare idea – aveva aggiunto Salvini – io ascolto tutti ma l’Italia ha bisogno di andare avanti. Non di tornare indietro e per quello che mi riguarda, la Tav si fa. Nessun ministro della Lega firmerĂ  mai per bloccare l’opera”. Parole che Luigi Di Maio ha subito condannato. “Sono veramente sbalordito da questa minaccia di crisi di governo da parte di Salvini”, ha dichiarato il vicepremier lasciando Montecitorio dopo aver riunito i gruppi parlamentari. “Il comportamento del ministro Salvini è da irresponsabile, proprio mentre siamo in chiusura su due misure fondamentali come il reddito di cittadinanza e quota 100. DovrĂ  spiegare il suo comportamento anche ai truffati dalle banche”, ha ribadiito il ministro del Lavoro.  

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Vannacci: io non sono razzista, incontrerei Paola Egonu

"Io candidato? Scioglierò le riserve al momento opportuno" Roma, 29 feb. (askanews) – "Istigazione all'odio razziale? Resto allibito. Incitare all'odio vuol dire spingere deliberatamente una persona a commettere atti criminosi derivanti dall'odio razziale. Io non ho mai scritto una cosa del genere, e non l'ho mai nemmeno pensata. Non ho mai proferito un'espressione che fosse

Calenda: Conte è un populista ma per candidati terzi non c’è più spazio

"Il Pd cambi o il M5S se lo mangia" Roma, 29 feb. (askanews) – "Cambiare idea su Conte? Ma quando mai. Penso che Conte sia un populista, che sia stato un pessimo presidente del Consiglio e non condivido le sue idee. Non ho mai detto che faremo parte di nessun campo largo". Così in una

Per Conte il modello Sardegna è vincente: bisogna tentare l’impresa in Abruzzo

"Meloni la vera sconfitta. Calenda? Decida cosa fare da grande" Roma, 29 feb. (askanews) – "La prima amara lezione è per Giorgia Meloni, la vera sconfitta è lei. Il risultato in Sardegna è anche il segno di un clima che nel Paese sta cambiando. Evidentemente i cittadini – anche coloro che avevano creduto alle promesse