Via Seta, Salvini: Se ci sarà pericolo per sicurezza dico No

Roma, 14 mar. (LaPresse) – “Se sono soddisfatto delle considerazioni di Conte sulla via della Seta? Mi alzo soddisfatto a prescindere. È mia competenza garantire la protezione della sicurezza degli italiani. Se si intravedrà un pericolo per la sicurezza ci sarà un secco No. Non si può permettere la penetrazione di economie straniere che possa condizionare quella italiana. Prima di permettere a qualcuno di investire sul porto di Trieste o di Genova ci penso non una ma 50 volte. La Cina è formalmente un Paese ancora in via di sviluppo. Non penso ci sia una competizione ad armi pari, ci vuole estrema prudenza”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in conferenza stampa alla Camera, a proposito della via della Seta.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Kate Middleton, prima foto dopo l’operazione: la principessa in auto

(Adnkronos) - A due mesi dall'operazione all'addome, arriva la prima foto di Kate Middleton, avvistata oggi per la prima volta dall'intervento e ritratta nelle immagini pubblicate dal New York Post e, in esclusiva in Italia dal settimanale Chi, insieme alla madre Carole nei pressi del Castello di Windsor.  La Principessa del Galles, 42 anni, viaggiava

Chico Forti, Tajani: “Rientro in Italia tra qualche settimana”

(Adnkronos) - "E' già partita la procedura per far rientrare Chico Forti in Italia". Lo ha detto al Tg2 Post il leader di Forza Italia e ministro degli Esteri, Antonio Tajani. Gli Stati Uniti, come ha annunciato la presidente del Consiglio Giorgia Meloni a Washington prima dell'incontro con Joe Biden, hanno dato l'ok trasferimento di

Tre cooperanti italiani fermati in Tunisia: “Presunte irregolarità su prelievi di denaro”

(Adnkronos) - La Farnesina segnala che tre cooperanti italiani, impegnati in attività di cooperazione per l'Osc Cesvi in Tunisia, sono stati posti in stato di fermo nei giorni scorsi, insieme ad altro membro dello staff Cesvi, per presunte irregolarità legate a prelievi di denaro da una banca locale. I tre cooperanti operano su alcuni progetti in