Caso Regeni, Conte: “Ho detto ad al-Sisi che l’Italia non smetterà di cercare la verità”

“Questa sera ho incontrato il presidente egiziano al-Sisi. Ci siamo soffermati sul caso Regeni. Gli ho fatto capire che non è ritualità chiedergli aggiornamentiâ€�. Lo ha detto il premier conte in conferenza stampa da Pechino, dove si trova per discutere del programma di accordi commerciali noto come nuova Via della Seta. La vicenda del ricercatore brutalmente assassinato in Egitto è tornata d’attualità dopo una lettera dei genitori che Conte afferma di aver letto. “Ho prospettato l’insoddisfazione – continua il presidente del Consiglio accennando ai colloqui con il capo di Stato egiziano – per il fatto che a distanza di tempo non c’è ancora alcun passo avanti che ci lasci intravedere un accertamento dei fatti che sia plausibile. Ho prospettato che l’Italia non verrà mai meno all’impegno di perseguire la veritàâ€�.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Dai patriarchi alle diaspore del futuro, il Camerun incontra Roma

ROMA - Due giorni a Roma, venerdì 2 e sabato 3 giugno, per celebrare insieme il Camerun e le sue comunità all'estero rilanciando l'impegno contro ogni razzismo e in favore del confronto: è la proposta dell'associazione Camrol, in partenariato con Kel’Lam, Italia onlus e il movimento Orgoglio afrikano. IL RE RUDOLF DOUALA MANGA BELL E

Appello dei pezzi da 90 dell’IA: può condurci all’estinzione

Tra i firmatari anche il CEO di ChatGPT Sam Altman Roma, 30 mag. (askanews) – Alcuni dei principali attori del mondo che sta dando vita all'ascesa apparentemente inarrestabile dell'Intelligenza artificiale hanno aderito a un appello lanciato dal Center for AI Safety che paventa il "rischio d'estinzione" dell'umanità a causa dell'intelligenza artificiale. Tra i firmatari –

Il comunicato della Juve: “Punto fermo per superare l’instabilità”

La società multata di 718mila euro dopo patteggiamento Roma, 30 mag. (askanews) – "Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver definito ad ogni effetto con gli organi della Giustizia sportiva il procedimento FIGC n. 336 pf 22-23 (relativo alle c.d. "manovre stipendi 2019/2020 e 2020/2021", ai rapporti con taluni agenti sportivi, nonché a taluni presunti