Def, la flat tax divide. Di Maio: “Aiuti il ceto medio”. Salvini: “O piatta o niente”

Siamo alle ultime limature al Documento di economia e finanze, e il nodo della flat tax non sembra ancora sciolto. Il testo è stato al centro di un vertice a Palazzo Chigi, e lo sarĂ  ancora. Ad una prima riunione, assieme al ministro dell’Economia Giovanni Tria, hanno partecipato il responsabile dei Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro (M5S) e i sottosegretari Massimo Garavaglia e Massimo Bitonci (Lega). Gli esponenti del Carroccio spingono affinchĂ© si inserisca un chiaro riferimento ad una riforma del fisco con aliquote piĂą basse, che sarebbero certo molto apprezzate dall’elettorato leghista. Il leader pentastellato Luigi Di Maio, non presente all’incontro, apre all’idea, ma chiede gradualitĂ . Certo, Di Maio riconosce che il contratto parla di flat tax, ma essa andrebbe accompagnata da “un principio di proporzionalitĂ  per fare in modo che il beneficio stesso sia distribuito con criterio vero tra le famiglie e il ceto medio”. Il numero uno del Carroccio, Matteo Salvini, da Milano ribatte che “non esiste una flat tax progressiva”, e il principio di proporzionalitĂ  proprio non lo può accettare, perchĂ© “l’idea rivoluzionaria della tassa piatta – prosegue Salvini – è che è unica, piatta e uguale”. Insomma, per il Carroccio bisogna mettere un primo mattone per la riduzione fiscale, a vantaggio soprattutto delle famiglie, visto che nel 2018 si è puntato sulle partite Iva. Il premier Giuseppe Conte, anche in questo caso, assume il ruolo di mediatore tra le due parti: ricorda che la misura è nel contratto di governo, prevista “con delle modalitĂ  specifiche”, e “Salvini non è l’unico a spingere per averla, lo fa tutto il governo”. Conte ricorda di aver preso l’impegno di introdurla, in prima persona, sottolineando però “che si tratta di un pezzo della riforma fiscale e, per realizzarla nella sua interezza, occorre tempo”. La posizione del premier è in linea con il titolare dell’Economia, il quale ha giĂ  fatto capire che per rivoluzionare le aliquote ci vorrĂ  tempo. Per venire incontro all’alleato di governo, Di Maio, lo rassicura spiegando che il provvedimento sarĂ  nel Def ma: “Con il coefficiente familiare come avevamo chiesto, affinchĂ© della riduzione non ne possa beneficiare chi è giĂ  ricco, ma le famiglie che ne hanno realmente bisogno”. Il “padre” della flat tax, il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri, ha consegnato allo stesso Tria un progetto per un aliquota al 15% fino a 50mila euro di reddito. Si tratterebbe di un messaggio, simile a quello per le partite Iva, che ora hanno il 15% sotto i 65mila euro. “Questa riforma non va vista come un centro di costo, ma come un’opportunitĂ  di crescita”, sottolinea il leghista, che nella riforma fiscale vede “l’unica leva disponibile per dare impulso ai consumi, alla produzione e al lavoro”. Il mancato gettito, però, potrebbe essere di 12 o 13 miliardi di euro annui, e va in qualche modo coperto, soprattutto per un’economia boccheggiante come quella italiana, che ha tutta una serie di clausole che bloccano la spesa e farebbero scattare l’Iva. Siri, da parte sua, spiega che valorizzando il patrimonio immobiliare pubblico si avrebbe un controvalore di 400 miliardi di euro. Queste stime non convincono le opposizioni. Francesco Boccia del Pd parla di un tentativo maldestro di nascondere la veritĂ  sui conti pubblici. Da una parte, per Boccia, c’è “la propaganda continua sulla flat tax, le cui coperture sono irrealizzabili in un bilancio che prevede giĂ  l’aumento dell’Iva al 25,2% dal 2020”. Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, non chiude all’idea, ma sottolinea che essa difficilmente aiuterĂ  la sua categoria, quella dei produttori, toccando invece le famiglie. “Da tempo – spiega Boccia – stiamo dicendo che la prima flat tax dovrebbe essere la riduzione del cuneo fiscale, a favore dei lavoratori”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Red Bull respinge accuse contro Horner: “Resta capo del team”

(Adnkronos) - "Horner confermato a capo del team Red Bull". Lo spiega la Red Bull Gmbh che ha rilasciato una dichiarazione su Christian Horner dopo che il 50enne dirigente britannico è finito al centro di un'indagine interna a seguito delle accuse per "comportamenti inappropriati" nei confronti di una dipendente. "L'indagine indipendente sulle accuse mosse contro

Manganellate su studenti a Pisa, trasferita dirigente reparto mobile di Firenze

(Adnkronos) - A meno di una settimana dalle manganellate agli studenti di Pisa e Firenze c'è stato un avvicendamento ai vertici della polizia. A quanto apprende l'Adnkronos, Silvia Conti, dirigente del Reparto Mobile di Firenze, è stata trasferita ad altro incarico.  Secondo quanto fanno sapere fonti della sicurezza, il cambiamento era già programmato da prima

Benedetta Rossi: “Sui social tutti creator, serve serietĂ  e rispetto”

(Adnkronos) - "Da quando ho iniziato, i social si sono molto evoluti. Adesso, soprattutto dopo la pandemia, da fruitori di social sono diventati tutti creator. Adesso tutti cucinano, tutti condividono e tutti danno consigli. Siamo diventati tutti creator e va benissimo ma i social sono degli spazi che dobbiamo utilizzare con serietĂ ". Lo afferma la