Def, Tria: “Aumenti dell’Iva confermati in attesa di misure alternative”

“Ricordo che lo scenario tendenziale incorpora gli aumenti dell’Iva e delle accise che entrerebbero in vigore il 1 gennaio 2020. La legislazione fiscale vigente viene confermata in attesa di stabilire interventi alternativi”. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato riunite a palazzo Madama sul Def difende l’operato del governo ma avvisa che l’aumento dell’Iva scatterà se non verranno trovate misure alternative. Secondo il titolare del Tesoro la previsione della crescita dell’economia italiana è equilibrata e i segnali da inizio anno sono incoraggianti. Un aumento del Pil dello 0,1% entro il 2019 arriverà anche dal decreto crescita che “si concentra sull’incentivo al capitale e agli investimenti privati” e dallo sblocca cantieri che “punta ad accelerare la realizzazione degli investimenti pubblici programmati”. Così come reddito di cittadinanza e quota 100 “contribuiscono a sostenere i consumi delle famiglie e il Pil già nel 2019, sebbene vengano introdotte in corso d’anno”. E aggiunge: “Le riforme sono la vita maestra per migliorare il potenziale di crescita dell’economia. Il Pnr ripercorre le misure intraprese e traccia le priorità per il triennio. Il governo ha dato priorità alla lotta alla povertà”. Per la crescita è però importante anche rivedere “le regole europee a favore di una maggiore promozione della domanda interna”. Sulla flat tax Tria assicura che si farà nella prossima manovra: “La legge di Bilancio per il prossimo anno continuerà il processo di riforma dell’imposta sui redditi, la cosiddetta flat tax, e di generale sistemazione del sistema fiscale per alleggerire il carico sui ceti medi”. Per quanto riguarda il debito pubblico Tria sostiene che rappresenti “sia una sfida sia un vincolo principale per la politica di bilancio”. Mentre sullo spread: “Ci auguriamo di poter rivedere a ribasso la spesa per interessi. Il livello dei rendimenti sui titoli di stato italiano è ancora troppo alto. Saranno importanti i piani del governo e le riforme ma anche gli orientamenti che il Parlamento esprimerà circa la politica di Bilancio”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, dopo la sfilata la Festa prosegue nelle piazze

ROMA - La Festa della Repubblica, terminata la sfilata con il tricolore portato dai paracadutisti, prosegue a via Cavour. Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano si concede per una foto con dei bambini e una famiglia, Vittorio Sgarbi stringe mani. "Dovremmo amare di più la nostra Patria- dichiara alla Dire un'insegnante che sta camminando verso

Luigi Di Maio è già al lavoro come rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo

Dovrà approfondire il partenariato con i Paesi della regione Bruxelles, 2 giu. (askanews) – L'ex ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio è al lavoro da ieri nel suo nuovo ruolo di Rappresentante speciale dell'Ue per la regione del Golfo. Lo ha riferito oggi a Bruxelles il portavoce per la Politica estera della Commissione europea

2 giugno, La Russa: “Teniamo alti i valori della democrazia, della libertà e della sovranità della Patria”

ROMA - "Buona festa della Repubblica", dice il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ai cronisti. Suona l'inno di Mameli, cantano i militari schierati e le tante persone che affollano piazza Venezia. Le massime autorità della Repubblica portano il loro saluto al Milite Ignoto. È il preludio alla consueta parata del 2 giugno con cui