Figlio di Arata assunto da Giorgietti, M5s: “Chiarisca”

E’ sempre piĂą crisi nel governo tra Lega e Cinque stelle. La maggioranza scossa anche dal caso di Federico Arata, figlio dell’imprenditore indagato per corruzione assieme al sottosegretario della Lega Siri, che sarebbe stato assunto a Palazzo Chigi dall’altro sottosegretario del Carroccio Giorgetti. Il Movimento chiede se Salvini fosse a conoscenza della vicenda e vuole dei chiarimenti dall’alleato che difende l’assunzione di Federico Arata. “Mai lavorato a Palazzo Chigi, avevo un ruolo da consulente esterno”, spiega il diretto interessato. Il premier Conte nei prossimi giorni deciderĂ  sul futuro di Siri mentre Di Maio repica a Salvini: “Se è innocente lo stabiliranno i giudici e non la politica”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Elezioni europee, Italia divisa sui social: fiducia al Nord e al Centro ma Ue non conquista il Sud

(Adnkronos) - Italia divisa sull'Europa, tra fiducia e diffidenza, rabbia e preoccupazione. E' la fotografia scattata in esclusiva per l'Adnkronos da Vis Factor tramite Human, piattaforma di web e social listening sviluppata a partire dal 2018 da un team interamente italiano con algoritmo a base semantica italiana. Il 54,52% degli italiani esprime sui social network

Protesta agricoltori, i trattori oggi tornano a Roma

(Adnkronos) - Nuova protesta dei trattori oggi a Roma. A scendere in piazza sarĂ  la sigla 'Movimento agricoli federati' che ha lanciato un'iniziativa in piazza della Bocca della VeritĂ  a partire dalle 10. "Difendiamo il nostro lavoro, salviamo il nostro futuro, proteggiamo i nostri figli", sottolinea lo stesso Movimento dando appuntamento nella Capitale. A quanto

Navalny, Biden attacca la Russia e Putin tace

(Adnkronos) - Joe Biden attacca la Russia e Vladimir Putin dopo la morte di Aleksei Navalny. Il presidente russo non commenta il decesso del dissidente, Mosca parla solo attraverso i portavoce del Cremlino e del ministero degli Esteri. Sono le figure di secondo piano a rispondere alle accuse che arrivano da Washington e da tutto