Il rapporto Ocse boccia Quota 100 e critica il reddito di cittadinanza

L’Ocse (Organizzazione per lo sviluppo economico) boccia quota 100 (“mantenere il nesso tra età pensionabile e speranza di vita”) e fa notare che il reddito di cittadinanza rischia di incidere molto poco sulla crescita. Sono due delle annotazioni contenute nel rapporto economico sull’Italia. Quota 100 – L’Ocse la considera una misura sbagliata e consiglia, addirittura, di cancellarla: “Abrogare le modifiche alle regole sul pensionamento anticipato introdotte nel 2019 e mantenere il nesso tra l’età pensionabile e la speranza di vita”. E’ la raccomandazione che emerge dal rapporto. L’abbassamento dell’età pensionabile a 62 anni con almeno 38 anni di contributi, spiega il rapporto “rallenterà la crescita nel medio termine, riducendo l’occupazione tra le persone anziane e, se non applicata in modo equo sotto il profilo attuariale, accrescerà la diseguaglianza intergenerazionale e farà aumentare il debito pubblico” . No ai condoni – “Continuare a migliorare l’adesione spontanea all’obbligazione tributaria ed evitare i condoni fiscali ripetuti”. E l’Ocse raccomanda anche di “abbassare la soglia massima per i pagamenti in contanti, abolire le spese fiscali non adeguatamente mirate o che presentano obiettivi obsoleti, continuare a migliorare il coordinamento tra gli enti dell’amministrazione fiscale” Pil  – Il Pil  reale pro capite italiano è praticamente al livello del 2000 e nettamente inferiore al picco precedente la crisi, spiega il rapporto. Sebbene il tasso di occupazione sia aumentato, è ancora uno dei più bassi tra quelli dei Paesi dell’Ocse, in particolare per le donne. La qualità del lavoro è bassa e la discrepanza tra gli impieghi e le qualifiche dei lavoratori è elevata se raffrontata su scala internazionale. La crescita della produttività è stata debole o negativa negli ultimi 25 anni. Ripresa lenta –  “La ripresa ha rallentato. Secondo le previsioni, il PIL dovrebbe registrare una contrazione dello 0,2% nel 2019 e un aumento dello 0,5% nel 2020. La politica di bilancio espansiva e una debole crescita faranno lievitare il disavanzo delle finanze pubbliche, che passerà dal 2,1% del PIL nel 2018 al 2,5% nel 2019”. Reddito di cittadinanza –  Secondo l’Ocse il bilancio 2019 persegue giustamente l’obiettivo di assistere i cittadini poveri, ma gli effetti positivi sulla crescita dovrebbero essere scarsi, in particolare a medio termine. Il nuovo Reddito di Cittadinanza, che sostituisce il Reddito d’Inclusione (REI), stanzia fondi supplementari significativi per i programmi di contrasto alla povertà, ma la sua efficacia dipenderà in misura cruciale da sostanziali miglioramenti dei programmi di formazione e ricerca di lavoro. E’ quanto si legge nel rapporto economico Ocse per l’Italia.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Nato, Stoltenberg: “Alleanza forte è interesse nazionale Usa”

(Adnkronos) - Una Nato "forte" è "positiva per gli Usa". Nessun'altra "grande potenza" ha oltre "30 alleati e amici", cosa che rende Washington "più forte e più sicura", pertanto "è nell'interesse nazionale degli Usa mantenere forte la Nato". Così il segretario generale Jens Stoltenberg, in conferenza stampa a Bruxelles. "C'è un forte sostegno bipartisan nel

Durigon: “Fiera ‘Work on Work’ fondamentale in ottica G7 Cagliari”

(Adnkronos) - “Iniziative come questa sono di importanza fondamentale, soprattutto nell'ottica del G7 di Cagliari. La sinergia tra gli attori, pubblici e privati, il networking e il dialogo, non possono che fare bene al Sistema Paese, quando si parla di lavoro e politiche attive. A maggior ragione nella creazione di un ponte tra il mondo

Eredità Agnelli, i legali di John Elkann: “Infondate le accuse di illeciti fiscali”

(Adnkronos) - Replica di John Elkann alla madre Margherita Agnelli dopo l'apertura del fascicolo d'inchiesta da parte della Procura di Torino su questioni legate all'eredità di Marella Caracciolo, moglie di Gianni Agnelli, deceduta il 23 febbraio 2019. In una nota gli avvocati Paolo Siniscalchi, Federico Cecconi e Carlo Re, componenti il team legale che difende