Istat, il Pil sale dello 0,2%. L’Italia esce dalla recessione

Nel primo trimestre del 2019 il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dello 0,1% su base annua. Lo rileva l’Istat nella sua stima preliminare. Dopo due trimestri negativi, il Paese è uscito tecnicamente dalla recessione. L’aumento è piccolo, ma è in linea con le recenti previsioni del governo e del Fondo Monetario Internazionale.

La variazione del Pil rispetto al trimestre precedente, spiega l’istituti di statistica, è la sintesi di incrementi del valore aggiunto sia nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell’industria, sia in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo negativo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto positivo della componente estera netta. La variazione acquisita per il 2019 è pari a 0,1%. 

Una crescita che dà speranza ma che è ancora abbastanza lontana da quella dell’Unione Europeanel suo complesso che nel primo trimestre è salita dello 0,4% nell’eurozona e dello 0,5% nell’Unione europea rispetto ai tre mesi precedenti. Nel quarto trimestre 2018, la crescita era stata dello 0,2% nell’area euro e dello 0,2% nella Ue. Su base annua, nei primi tre mesi dell’anno il Pil avanza dell’1,2% nell’eurozona e dell’1,5% nella Ue a 28, come nel trimestre precedente. La crescita europea è un po’ più alta del previsto. Gli esperti si aspettavano un 0,3%.

Di Maio – “L’Italia fuori dalla recessione dimostra che la direzione intrapresa dal governo è quella giusta. Andiamo avanti come un treno verso il cambiamento”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio, che ha aggiunto:  “Domani potremo festeggiare il 1° maggio con qualche dato positivo: ci sono dati importanti che ci fanno affrontare la festa dei lavoratori con elementi incoraggianti”.

Unc – “L’Italia esce dalla recessione tecnica. Dopo il calo congiunturale degli ultimi due trimestri 2018, si torna, infatti, in territorio positivo. Ma non c’è da stare allegri. L’Italia era l’unico Paese dell’Ue a 28 ad essere finito in recessione. Uscire da un primato talmente negativo, perciò, non basta per stare sereni. No, quindi, ad entusiasmi”. Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “La buona notizia, comunque, è che la previsione del Governo di avere una crescita a fine anno dello 0,2% è ora credibile. La cattiva è che la stima del Def non include stangate di fine anno, incorporando come definitivo l’aumento dell’Iva”, conclude Dona.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell'Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L'estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi patrocinato dal Comune di Milano all'insegna di

Vino, presidente Veneto Zaia incontra ministro Lollobrigida

"Difendere un comparto strategico" Venezia, 6 giu. (askanews) – Il ministro dell'Agricoltura della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, e il presidente della Regione Veneto Luca Zaia si sono incontrati questo pomeriggio a Roma, al Masaf, per continuare a elaborare strategie di promozione e tutela dei vini di Conegliano Valdobiaddene. "Dopo il protocollo d'intesa