Roma, l’ex ad di Ama accusa Raggi: “Pressioni per modificare il bilancio”

Una nuova tegola arriva sul Campidoglio dal fronte rifiuti con la pubblicazione, sull’Espresso, di un estratto dell’esposto presentato dall’ex presidente e ad dell’Ama Lorenzo Bagnacani, che è stato licenziato dal Comune a febbraio. Nell’esposto il manager accusa Virginia Raggi in persona. La sindaca, scrive Bagnacani ai pm, avrebbe infatti esercitato “pressioni” indebite su di lui e sull’intero cda dell’azienda, “finalizzate a determinare la chiusura del bilancio dell’Ama in passivo, mediante lo storno dei crediti per i servizi cimiteriali”. Nella registrazione, risalente all’autunno scorso, allegata all’esposto, si sentirebbe Raggi dire: “Devi modificare il bilancio come chiede il socio”. Quando, nel dialogo registrato, Bagnacani chiede chiarimenti sulla vicenda e su come valutare la qualità del credito, la sindaca lo incalza: “Non devi valutare, se il socio ti chiede di fare una modifica la devi fare”. E se il socio vuole la modifica di bilancio, aggiunge la prima cittadina, “tu lo devi cambiare comunque, anche se ti dicono che la Luna è piatta”. Se i romani, dice ancora la sindaca, “si affacciano e vedono la merda in città, in alcune zone purtroppo è così, in altre zone è pulito e tenuto bene, in altre zone non c’è modo, non c’è modo. Allora quando ai romani gli dico, sì la città è sporca però vi aumento la Tari, ma io scateno, cioè metto la città a ferro e fuoco, altro che i gilet gialli”. “Io oggi non posso chiedere ai romani di aumentargli la Tari – prosegue la prima cittadina nella registrazione pubblicata in esclusiva dall’Espresso – perché se loro vedono grazie anche a quest’opera dei sindacati, degli operai che non hanno voglia di fare”. Campidoglio – Nel frattempo il Campidoglio si difende. “Il bilancio di Ama proposto dall’ex ad Lorenzo Bagnacani non poteva essere approvato dal socio Roma Capitale e, quindi, dalla Giunta”, si legge in una nota del Comune di Roma. “Il ragioniere generale, il direttore generale, il segretario generale, l’assessore al Bilancio e tutti i dipartimenti competenti hanno certificato l’assoluta mancanza di possibilità di riconoscere il credito inserito nel progetto di bilancio caldeggiato dall’ex ad – prosegue il comunicato -. Non c’è stata quindi alcuna pressione ma la semplice applicazione delle norme. Inoltre, si sottolinea che più volte nel corso dello scorso anno a Roma Capitale ha sollecitato la revisione del progetto di bilancio e delle voci segnalate dagli organi preposti e dal collegio dei revisori dei conti della stessa Ama. L’approvazione di quel bilancio non avrebbe rispettato la legge e avrebbe condotto al pagamento di premi per lo stesso ad, i dirigenti e i dipendenti”. Lega chiede dimissioni – Elementi che se venissero confermati, fa sapere la Lega, richiederebbero al più presto le dimissioni della prima cittadina. “Abbiamo appreso con sconcerto le ultime cronache relative all’amministrazione comunale di Roma e alla gestione di Ama”, spiegano Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, rispettivamente capogruppo del Carroccio al Senato e alla Camera. “Notizie inquietanti che non possono lasciarci indifferenti: se quanto riportato dalle intercettazioni corrispondesse a verità, si tratterebbe di un fatto di gravità inaudita. Per rispetto delle regole interne del Movimento cui appartiene, sarebbe opportuno per il sindaco Raggi farsi da parte e presentare subito le dimissioni”, concludono i capigruppo.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Gli Usa pronti a mediare in Sudan se le parti considerano “seriamente” una tregua

Assieme all'Arabia Saudita Roma, 1 giu. (askanews) – Gli Stati Uniti dichiarano di essere pronti a mediare tra i belligeranti in Sudan, ma a condizione che considerino "seriamente" una tregua, dopo il fallimento dei colloqui in Arabia Saudita. "Una volta che le forze avranno chiarito attraverso le loro azioni che sono seriamente intenzionate a rispettare

Il Siviglia vince l’Europa League, Roma ko e con dubbio Mourinho

Roma-Spezia per difendere la qualificazione in Europa League Roma, 1 giu. (askanews) – E dopo la battaglia di Roma-Siviglia, ora i giallorossi di José Mourinho sono attesi da una partita forse ancor più dura in campionato perché, sfumata la qualificazione in Champions League attraverso la vittoria nella finale di Europa League, c'è da difendere proprio

Mattarella: il 2 giugno ci ricorda il diritto alla felicità

"Lavoro è obiettivo che ancora manca per troppi giovani e donne" Roma, 1 giu. (askanews) – "Il costituzionalismo ispirato dall'illuminismo inseriva nelle Carte il diritto alla ricerca della felicità. Il preambolo alla dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti reca questo inciso, peraltro suggerito da un grande pensatore italiano, Gaetano Filangieri. Da quel bellissimo richiamo – presente