Roma, l’ex ad di Ama accusa Raggi: “Pressioni per modificare il bilancio”

Una nuova tegola arriva sul Campidoglio dal fronte rifiuti con la pubblicazione, sull’Espresso, di un estratto dell’esposto presentato dall’ex presidente e ad dell’Ama Lorenzo Bagnacani, che è stato licenziato dal Comune a febbraio. Nell’esposto il manager accusa Virginia Raggi in persona. La sindaca, scrive Bagnacani ai pm, avrebbe infatti esercitato “pressioni” indebite su di lui e sull’intero cda dell’azienda, “finalizzate a determinare la chiusura del bilancio dell’Ama in passivo, mediante lo storno dei crediti per i servizi cimiteriali”. Nella registrazione, risalente all’autunno scorso, allegata all’esposto, si sentirebbe Raggi dire: “Devi modificare il bilancio come chiede il socio”. Quando, nel dialogo registrato, Bagnacani chiede chiarimenti sulla vicenda e su come valutare la qualitĂ  del credito, la sindaca lo incalza: “Non devi valutare, se il socio ti chiede di fare una modifica la devi fare”. E se il socio vuole la modifica di bilancio, aggiunge la prima cittadina, “tu lo devi cambiare comunque, anche se ti dicono che la Luna è piatta”. Se i romani, dice ancora la sindaca, “si affacciano e vedono la merda in cittĂ , in alcune zone purtroppo è così, in altre zone è pulito e tenuto bene, in altre zone non c’è modo, non c’è modo. Allora quando ai romani gli dico, sì la cittĂ  è sporca però vi aumento la Tari, ma io scateno, cioè metto la cittĂ  a ferro e fuoco, altro che i gilet gialli”. “Io oggi non posso chiedere ai romani di aumentargli la Tari – prosegue la prima cittadina nella registrazione pubblicata in esclusiva dall’Espresso – perchĂ© se loro vedono grazie anche a quest’opera dei sindacati, degli operai che non hanno voglia di fare”. Campidoglio – Nel frattempo il Campidoglio si difende. “Il bilancio di Ama proposto dall’ex ad Lorenzo Bagnacani non poteva essere approvato dal socio Roma Capitale e, quindi, dalla Giunta”, si legge in una nota del Comune di Roma. “Il ragioniere generale, il direttore generale, il segretario generale, l’assessore al Bilancio e tutti i dipartimenti competenti hanno certificato l’assoluta mancanza di possibilitĂ  di riconoscere il credito inserito nel progetto di bilancio caldeggiato dall’ex ad – prosegue il comunicato -. Non c’è stata quindi alcuna pressione ma la semplice applicazione delle norme. Inoltre, si sottolinea che piĂą volte nel corso dello scorso anno a Roma Capitale ha sollecitato la revisione del progetto di bilancio e delle voci segnalate dagli organi preposti e dal collegio dei revisori dei conti della stessa Ama. L’approvazione di quel bilancio non avrebbe rispettato la legge e avrebbe condotto al pagamento di premi per lo stesso ad, i dirigenti e i dipendenti”. Lega chiede dimissioni – Elementi che se venissero confermati, fa sapere la Lega, richiederebbero al piĂą presto le dimissioni della prima cittadina. “Abbiamo appreso con sconcerto le ultime cronache relative all’amministrazione comunale di Roma e alla gestione di Ama”, spiegano Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, rispettivamente capogruppo del Carroccio al Senato e alla Camera. “Notizie inquietanti che non possono lasciarci indifferenti: se quanto riportato dalle intercettazioni corrispondesse a veritĂ , si tratterebbe di un fatto di gravitĂ  inaudita. Per rispetto delle regole interne del Movimento cui appartiene, sarebbe opportuno per il sindaco Raggi farsi da parte e presentare subito le dimissioni”, concludono i capigruppo.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele, c’è l’accordo sulla tregua? Gli Usa dicono di sì “ma ora aspettiamo Hamas”

(Adnkronos) - Israele ha "praticamente accettato" una proposta di tregua di sei settimane a Gaza, c'è "una cornice di accordo" che Israele ha "più o meno accettato". Una seconda fase dell'intesa "per costruire qualcosa di più durevole" potrà essere concordata durante la tregua. Lo ha detto ai giornalisti un alto funzionario dell'amministrazione Biden, secondo quanto

Gaza, caos aiuti umanitari. Cnn: “Beni respinti da Israele in maniera arbitraria”

(Adnkronos) - Le autoritĂ  israeliane ostacolano l'invio di aiuti umanitari a Gaza con criteri "arbitrari e contraddittori". Lo afferma la Cnn, dopo aver sentito oltre una ventina di operatori umanitari. Fra i beni respinti dal Cogat, l'ente israeliano di coordinamento per i territori palestinesi, responsabile per il passaggio degli aiuti, figurano anestetici e macchine per

Valencia-Real Madrid 2-2, gol fantasma allo scadere e polemiche

(Adnkronos) - Il Real Madrid pareggia 2-2 sul campo del Valencia nel match della 27esima giornata della Liga. I blancos vanno a segno con Vinicius (50’ e 76’) e rimontano dopo i gol di Hugo Duro (27’) e Yaremchuk (30’). La sfida si infiamma allo scadere. Il Real Madrid batte l’ultimo corner alla fine del