Sicurezza, la direttiva di Salvini ai prefetti: “Ok a ordinanze anti-degrado nelle ‘zone rosse'”

I prefetti potranno intervenire con ordinanze ‘anti-degrado’ per proteggere le cosiddette zone rosse delle città da “persone dedite ad attività illegali”. Lo prevede la direttiva del ministro dell’Interno Matteo Salvini inviata ai prefetti dal titolo ‘ordinanze e provvedimenti antidegrado e contro le illegalità’. Il testo precisa che la “prevenzione della criminalità diffusa, la promozione e tutela della legalità, il contrasto ai fenomeni legati al consumo smodato di alcool o all’uso di sostanze stupefacenti, la ferma reazione verso ogni forma di abusivismo o di violenza” è affidata ai sindaci ma ricorda che è stato “localmente sperimentato con successo il ricorso a provvedimenti prefettizi che vietano lo stazionamento a persone dedite ad attività illegali, disponendone l’allontanamento, nelle aree urbane caratterizzate da una elevata densità abitativa e sensibili flussi turistici, oppure che si caratterizzano per l’esistenza di una pluralità di istituti scolastici e universitari, complessi monumentali e culturali, aree verdi ed esercizi ricettivi e commerciali”. Si tratta, ribadisce il Viminale, di “strumenti di natura straordinaria, contingibile ed urgente, si pongono nel catalogo degli interventi astrattamente possibili per il conseguimento delle finalità indicate come un prezioso ausilio alle politiche locali in atto”. In questo senso, la direttiva chiede ai prefetti di convocare i Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica nell’ambito dei quali “dovrà essere avviata una disamina delle eventuali esigenze di tutela rafforzata di taluni luoghi del contesto urbano”. “L’esperienza nei territori – si legge nel documento – ha evidenziato l’esigenza di intervenire con mezzi ulteriori ogni qual volta emerga la necessità di un’azione di sistematico ‘disturbo’ di talune condotte delittuose che destano nella popolazione un crescente allarme sociale”. L’esempio da seguire è quello di città come Bologna e Firenze che hanno creato vere e proprie zone rosse in cui è vietato l’accesso a determinati soggetti. Obiettivo principale è quello dello smantellamento delle “piazze dello spaccio” impedendo fisicamente l’accesso ai luoghi a pusher e trafficanti. I risultati dell’attività dei Comitati, dice ancora la Direttiva inviata anche per conoscenza al capo della polizia Franco Gabrielli, dovranno essere comunicati “tempestivamente” al gabinetto del ministro, “segnalando mediante una articolata relazione i provvedimenti adottati”, mentre a partire dal prossimo 31 maggio ogni 3 mesi i prefetti dovranno inviare al Viminale un report trimestrale “sul monitoraggio condotto in relazione alle ricadute delle ordinanze adottate”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Elezioni Sardegna, chi è Alessandra Todde

(Adnkronos) - Ingegnere ed imprenditrice scesa in campo in politica con il M5s. Dopo uno scrutinio al fotofinish, poco prima dell'1 di notte, quando i risultati delle elezioni regionali in Sardegna non sono ancora definitivi ma ormai vanno delineando la vittoria, Alessandra Todde, nuorese di 55 anni, si presenta ai cronisti come la nuova presidente

VIDEO | Sardegna, vince Alessandra Todde: “Sarò la prima presidente”. Schlein: “Ora cambia il vento”

CAGLIARI – All’1 arriva Alessandra Todde arriva alla sede elettorale di via Dante a Cagliari. “Sono passata per salutare, dai dati in nostro possesso si profila una vittoria e io sarò la prima presidente della Regione Sardegna. Sono molto felice e orgogliosa, faremo la conferenza domani mattina, ci sono ancora gli spogli in corso. Ma

Sardegna, Conte festeggia con Todde: vince l’alternativa,aria è cambiata

Abbiamo vinto con la forza e la competenza di Alessandra, ascoltando dolore territori. Sconfitta arroganza Meloni Roma, 27 feb. (askanews) – "La Sardegna ha scelto la nostra Alessandra Todde. È la prima Presidente di Regione del M5S, la prima donna alla guida della Sardegna. È una giornata indimenticabile.I cittadini sardi hanno chiuso la porta a