Cannabis, nuovo terreno di scontro tra Salvini e Di Maio

Anche la cannabis light divide la Lega e il M5s. Questo il nuovo terreno di scontro nella maggioranza dopo l’annuncio, da parte del ministro dell’Interno Salvini, della chiusura di tre negozi nelle Marche. “Da oggi al via una guerra. Gli spacciatori non li voglio, la droga fa male. Meglio un uovo sbattuto” ha detto il vicepremier annunciando anche una direttiva per chiudere altre attività. Di Maio, leader del Movimento parla di provocazioni della Lega: “Folle pensare che siamo a favore della droga. Dispiace si sia arrivati a questo per qualche voto in più”. Congela la disputa il premier Giuseppe Conte_ “Ho un’agenda con un ordine del giorno molto fitto, questo non è all’ordine del giorno”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, a ricevimento Quirinale anche Draghi, Bocelli, Riccardi

La Russa e Fontana con Meloni al debutto. Governo al completo al Colle, gran folla alla festa Roma, 1 giu. (askanews) – Un parterre d'eccezione quello del ricevimento al Quirinale in occasione della festa nazionale della Repubblica che si celebra domani, 2 giugno. Tra i tantissimi partecipanti anche l'ex premier ed ex presidente della Bce

Vino, Valvirginio: 2 mln per rendere più green la cooperativa

Per la riqualificazione impianti e la riconversione ecologica Milano, 1 giu. (askanews) – La Cantina Sociale Colli Fiorentini è sul punto di concludere due importanti investimenti, dal valore complessivo di due milioni di euro, che serviranno per ottenere la riqualificazione dell'impianto di raccolta dell'uva e dell'impianto di frangitura, oltre allo smaltimento delle piastrelle di amianto

Adesione della Ue alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Dopo il via libera dell'Europarlamento Roma, 1 giu. (askanews) – L'Unione Europea ha annunciato la propria adesione alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, iniziativa dal valore soprattutto simbolico ma che permetterà di applicare alcune disposizioni anche negli Stati membri che non l'hanno ratificata. L'adesione – che aveva ricevuto il via libera dell'Europarlamento