Cannabis, Salvini giura guerra ai negozi legali: “M5s ritiri proposta per liberalizzarla”

“Dico a Luigi Di Maio che combattere la droga significa anche combattere la mafia, come dimostrano gli arresti delle ultime ore contro il clan Casamonica. Mi aspetto che il senatore dei 5Stelle Mantero ritiri la proposta sulla droga libera. Non è nel contratto di governo e non voglio lo Stato spacciatore”​​, queste le parole di Matteo Salvini che sembra pronto a un altro scontro con Luigi Di Maio. 

Questa volta, appunto, il tema è la cannabis. Nelle ore scorse il ministro dell’Interno ha promesso una lotta senza frontiere alle droghe, anche quelle leggere. Ha promesso di chiudere tutti i negozi di cannabis legale e di vietare le manifestazioni legate alla marjiuana, con ogni mezzo che ha a disposizione. Appare determinato: “Su altro non litigo con gli amici della maggioranza, su questo sì”, giura. Il riferimento non è solo alle liti sul sottosegretario del Carroccio, ma anche alla richiesta fatta agli alleati di governo di abbandonare qualunque progetto di liberalizzazione. Il leader della Lega va pure oltre dicendosi disposto anche a “mandare a casa” l’esecutivo su questo tema. Pronta la replica di Luigi Di Maio: “Siamo tutti contro la droga ma basta minacciare il governo. Basta. Gli italiani non ne possono più”.

Il ‘Capitano’ non ha dubbi: “La droga è un’emergenza nazionale de-vas-tan-te”, dice scandendo le sillabe. In Italia ci sono più di 600 punti vendita che propongono filtri per tisane, semi di canapa, bevande energetiche, torte, ma anche bustine di marjiuana ‘legale’, con un valore bassissimo di thc, sostanza psicotropa. Il vicepremier fa sapere di aver dato indicazione a tutti i responsabili delle forze dell’ordine di controllarli uno per uno, con l’obiettivo di chiuderli.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Da Angelina Mango a Rocco Papaleo, tutti pazzi per Maratea Capitale della Cultura 2026

ROMA – “Un punto di equilibrio tra nord e sud, mare e montagna. Un ponte tra la Basilicata e il mondo“. È così che Maratea si presenta al ministero della Cultura per chiedere di essere eletta Capitale italiana della Cultura del 2026. Arrivata tra le dieci finaliste, oggi la città costiera ha portato al Collegio

All’Asl Roma 6 parte la Pet therapy, il direttore: “Puntiamo a un nuovo modello di cure”

ROMA – Vincenzo Carlo La Regina è il nuovo direttore sanitario della Asl Roma 6 e il suo mandato parte da un obiettivo preciso: avviare un percorso culturale diverso, più attento alle persone. “Puntiamo a un nuovo modello di cure in cui la salute viene intesa come benessere psicofisico, in base all’articolo 32 della Costituzione.

Accordo Consiglio-PE: stop a prodotti fatti con lavoro forzato

Prandini (Coldiretti): accordo importante anche per agroalimentare Roma, 5 mar. (askanews) – Il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sul regolamento che vieta l'ingresso sul mercato comunitario i prodotti realizzati mediante lavoro forzato. L'accordo provvisorio raggiunto oggi tra i due colegislatori sostiene l'obiettivo principale della proposta di vietare l'immissione e la