Caso Siri, Conte: “Deve dimettersi. Al prossimo Cdm proporrò la revoca delle deleghe”

Giuseppe Conte proporrà nel prossimo Consiglio dei Ministri la revoca della nomina di sottosegretario per Armando Siri, indagato per corruzione. A dichiararlo è lo stesso premier in una conferenza stampa sul caso.

Pochi minuti prima che Conte facesse la sua dichiarazione, Armando Siri lo ha anticipato¬†con un messaggio.¬†“Dal primo momento – fa sapere Siri – ho detto di voler essere immediatamente ascoltato dai magistrati per chiarire la mia posizione. La disponibilit√ɬ† dei magistrati ad essere ascoltato c’√ɬ® e confido di poterlo fare a brevissimo. Sono innocente, ribadisco di avere sempre agito correttamente, nel rispetto della legge e delle Istituzioni, e di non avere nulla da nascondere. Proprio per questo, vivo questa situazione con senso di profonda amarezza. Confido che una volta sentito dai magistrati la mia posizione possa essere archiviata in tempi brevi. Qualora ci√ɬ≤ non dovesse accadere, entro 15 giorni, sar√ɬ≤ il primo a voler fare un passo indietro, rimettendo il mio mandato, non perch√ɬ© colpevole, bens√ɬ¨ per profondo rispetto del ruolo che ricopro”.¬†

Parole che, per√ɬ≤, il presidente del Consiglio non ha appoggiato.¬†“Ho letto una dichiarazione di¬†Siri. Le dimissioni o si danno o non si danno, delle dimissioni future non hanno molto senso“, ha dichiarato in conferenza stampa¬†a palazzo Chigi. E poi: “Porr√ɬ≤ all’attenzione del prossimo Consiglio dei ministri la proposta di revoca al sottosegretario¬†Siri. Non mi voglio ergere a giudice del caso, non voglio dire che¬†Siri¬†sia colpevole di corruzione”. Una decisione presa per fare l’interesse dei cittadini: dal momento che la norma¬†sull’eolico per cui il sottosegretario Armando¬†Siri¬†avrebbe¬†fatto pressioni, e per cui √ɬ® ora indagato per corruzione¬†“non avrebbe offerto chance future agli imprenditori, ma vantaggi retroattivi: era come una sanatoria, non era generale o astratta, e non disponeva per il futuro”. “Per questo, – ha continuato Conte – ho valutato l’opportunit√ɬ† e la necessit√ɬ† di dimissioni di¬†Siri”.¬†

Il premier mette in guardia sia Movimento 5 Stelle sia Lega:¬†“Invito la Lega a considerare che questa decisione non √ɬ® una condanna: non si lasci guidare da una reazione corporativa. Invito il M5S affinch√ɬ© non approfitti a chiamarla una vittoria politica”.¬†“La fiducia – ha aggiunto – √ɬ® un elemento chiave di questo governo e per proseguire questa esperienza di governo. La fiducia dei cittadini, la fiducia del premier in ciascun componente di questo governo. Questo √ɬ® un approccio che io trovo completamente differente rispetto alle semplificazioni di una visione manichea tra un approccio giustizialista e uno garantista. Io ritengo che la Politica con la P maiuscola debba rifuggire questi opposti e rivendicare la capacit√ɬ† di discernere caso per caso, deve farlo con coerenza e trasparenza perch√ɬ© solo cos√ɬ¨ pu√ɬ≤ preservare la sua nobile funzione”.

E Luigi Di Maio accoglie l’invito.¬†Sul caso Siri “non esulto, non √ɬ® una vittoria o una sconfitta. Sono contento che il governo possa andare avanti e che la questione si chiuda”. Cos√ɬ¨ il vicepremier Luigi Di Maio a Otto e Mezzo¬†su La7. “Non c’√ɬ® nessuna condanna verso il sottosegretario, al quale auguro di poter dimostrare la sua innocenza ma abbiamo la funzione di difendere le istituzioni”, ha detto.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Schlein: serve una missione europea di soccorso ai migranti

"Dobbiamo essere chiari con gente come Orban" Roma, 2 mar. (askanews) ‚Äď "Vogliamo un'Europa di solidariet√†, dobbiamo porre fine all'esternalizzazione delle frontiere. E dobbiamo essere chiari con gente come Orban: non puoi avere solo i benefici di fare parte di una grande Unione senza condividere le responsabilit√† che ne conseguono. E' semplice. E dobbiamo garantire

Confindustria è divisa sui candidati alla presidenza, le alleanze non decollano

Proseguono le consultazioni dei saggi, difficile lavoro di sintesi Roma, 2 mar. (askanews) ‚Äď A circa un mese dal voto del consiglio generale, in calendario il 4 aprile, la corsa per la presidenza di Confindustria resta decisamente affollata. I candidati in gara sono quattro e la partita delle alleanze sembra non voler decollare. Le forti

La madre di Navalny al cimitero in visita alla tomba del figlio

Con lei la madre di Yulia Navalnaya Roma, 2 mar. (askanews) ‚Äď La madre di Alexsei Navalny, il principale oppositore di Vladimir Putin morto in carcere in circostanze poco chiare, ha visitato oggi la sua tomba, all'indomani del funerale al quale migliaia di russi hanno reso omaggio, rischiando l'arresto. Navalny, il pi√Ļ inflessibile critico del