Caso Siri, Conte: “Deve dimettersi. Al prossimo Cdm proporrò la revoca delle deleghe”

Giuseppe Conte proporrà nel prossimo Consiglio dei Ministri la revoca della nomina di sottosegretario per Armando Siri, indagato per corruzione. A dichiararlo è lo stesso premier in una conferenza stampa sul caso.

Pochi minuti prima che Conte facesse la sua dichiarazione, Armando Siri lo ha anticipato con un messaggio. “Dal primo momento – fa sapere Siri – ho detto di voler essere immediatamente ascoltato dai magistrati per chiarire la mia posizione. La disponibilità dei magistrati ad essere ascoltato c’è e confido di poterlo fare a brevissimo. Sono innocente, ribadisco di avere sempre agito correttamente, nel rispetto della legge e delle Istituzioni, e di non avere nulla da nascondere. Proprio per questo, vivo questa situazione con senso di profonda amarezza. Confido che una volta sentito dai magistrati la mia posizione possa essere archiviata in tempi brevi. Qualora ciò non dovesse accadere, entro 15 giorni, sarò il primo a voler fare un passo indietro, rimettendo il mio mandato, non perché colpevole, bensì per profondo rispetto del ruolo che ricopro”. 

Parole che, però, il presidente del Consiglio non ha appoggiato. “Ho letto una dichiarazione di Siri. Le dimissioni o si danno o non si danno, delle dimissioni future non hanno molto senso“, ha dichiarato in conferenza stampa a palazzo Chigi. E poi: “Porrò all’attenzione del prossimo Consiglio dei ministri la proposta di revoca al sottosegretario Siri. Non mi voglio ergere a giudice del caso, non voglio dire che Siri sia colpevole di corruzione”. Una decisione presa per fare l’interesse dei cittadini: dal momento che la norma sull’eolico per cui il sottosegretario Armando Siri avrebbe fatto pressioni, e per cui è ora indagato per corruzione “non avrebbe offerto chance future agli imprenditori, ma vantaggi retroattivi: era come una sanatoria, non era generale o astratta, e non disponeva per il futuro”. “Per questo, – ha continuato Conte – ho valutato l’opportunità e la necessità di dimissioni di Siri”. 

Il premier mette in guardia sia Movimento 5 Stelle sia Lega: “Invito la Lega a considerare che questa decisione non è una condanna: non si lasci guidare da una reazione corporativa. Invito il M5S affinché non approfitti a chiamarla una vittoria politica”. “La fiducia – ha aggiunto – è un elemento chiave di questo governo e per proseguire questa esperienza di governo. La fiducia dei cittadini, la fiducia del premier in ciascun componente di questo governo. Questo è un approccio che io trovo completamente differente rispetto alle semplificazioni di una visione manichea tra un approccio giustizialista e uno garantista. Io ritengo che la Politica con la P maiuscola debba rifuggire questi opposti e rivendicare la capacità di discernere caso per caso, deve farlo con coerenza e trasparenza perché solo così può preservare la sua nobile funzione”.

E Luigi Di Maio accoglie l’invito. Sul caso Siri “non esulto, non è una vittoria o una sconfitta. Sono contento che il governo possa andare avanti e che la questione si chiuda”. Così il vicepremier Luigi Di Maio a Otto e Mezzo su La7. “Non c’è nessuna condanna verso il sottosegretario, al quale auguro di poter dimostrare la sua innocenza ma abbiamo la funzione di difendere le istituzioni”, ha detto.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Distrutta in Ucraina la diga sul Dnipro, migliaia di persone in fuga dalle città allagate

Evacuazioni proseguono anche oggi: interessati circa 40.000 residenti Roma, 7 giu. (askanews) – Migliaia di persone sono fuggite da città e villaggi pesantemente allagati dopo l'esplosione alla diga di Nova Kakhovka sul fiume Dnipro, nella regione ucraina di Kherson, e si teme che il livello dell'acqua possa aumentare ulteriormente nelle prossime ore. Le evacuazioni di

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell'Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L'estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi patrocinato dal Comune di Milano all'insegna di