Huawei, Panasonic continuerà a inviare forniture

L’azienda giapponese Panasonic ha smentito lo stop alle forniture dei suoi componenti a Huawei. Nelle scorse ore alcune notizie davano invece per certa la decisione, che sarebbe stata presa per rispettare il bando degli Stati Uniti nei confronti dell’azienda cinese. Ma secondo il colosso nipponico si tratta di una falsità: Panasonic ha infatti assicurato che continuerà a fornire le suei parti a Huawei, definita un “partner importante”. E dall’azienda cinese intanto arriva l’annuncio: “Un sistema operativo proprietario sarà lanciato probabilmente in autunno”. Una decisione che arriva dopo lo stop di Google sulla fornitura di aggiornamente del sistema Android, utilizzato per i suoi prodotti dall’azienda cinese.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Dai patriarchi alle diaspore del futuro, il Camerun incontra Roma

ROMA - Due giorni a Roma, venerdì 2 e sabato 3 giugno, per celebrare insieme il Camerun e le sue comunità all'estero rilanciando l'impegno contro ogni razzismo e in favore del confronto: è la proposta dell'associazione Camrol, in partenariato con Kel’Lam, Italia onlus e il movimento Orgoglio afrikano. IL RE RUDOLF DOUALA MANGA BELL E

Appello dei pezzi da 90 dell’IA: può condurci all’estinzione

Tra i firmatari anche il CEO di ChatGPT Sam Altman Roma, 30 mag. (askanews) – Alcuni dei principali attori del mondo che sta dando vita all'ascesa apparentemente inarrestabile dell'Intelligenza artificiale hanno aderito a un appello lanciato dal Center for AI Safety che paventa il "rischio d'estinzione" dell'umanità a causa dell'intelligenza artificiale. Tra i firmatari –

Il comunicato della Juve: “Punto fermo per superare l’instabilità”

La società multata di 718mila euro dopo patteggiamento Roma, 30 mag. (askanews) – "Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver definito ad ogni effetto con gli organi della Giustizia sportiva il procedimento FIGC n. 336 pf 22-23 (relativo alle c.d. "manovre stipendi 2019/2020 e 2020/2021", ai rapporti con taluni agenti sportivi, nonché a taluni presunti