Libia, Conte: “Situazione di stallo ma può diventare critica. Confido di vedere Haftar”

“Siamo in una situazione che sembrerebbe di stallo, ma può evolvere in un senso ancora più critico da un momento all’altro”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Pratica di Mare, parlando della situazione in Libia e del suo incontro con il primo ministro del Governo di Accordo nazionale della Libia, Fayez al Serraj. ‘Ho invitato tutti i protagonisti di questo scenario, ho parlato con Serraj, confido di incontrare presto il Generale Haftar”, ha spiegato Conte che ha poi aggiunto: “A tutti gli attori con cui sto interloquendo sto cercando di rappresentare come non c’è prospettiva militare che possa assicurare la stabilizzazione del Paese”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

L’ascesa di Cino dall’incontro con Marracash a Sanremo

Il producer multiplatino ha composto Mariposa della Mannoia Milano, 3 mar. (askanews) – Dietro a tanti successi c'è l'impornta di Cino, all'anagrafe Mattia Cerri, poco conosciuto al grande pubblico ma è un producer multiplatino e un autore Warner Chappell. Ha comincia a suonare molto giovane e cimentandosi nei primi dj set, dopo aver frequentato lo

Attacco Houthi a nave italiana Duilio in Mar Rosso, Crosetto: “E’ terrorismo”

(Adnkronos) - "Gli attacchi terroristici degli Houthi sono una grave violazione del diritto internazionale e un attentato alla sicurezza dei traffici marittimi da cui dipende la nostra economia. Sono parte di una guerra ibrida, che usa ogni possibilità, non solo militare, per danneggiare alcuni Paesi e agevolarne altri". Così il ministro della Difesa Guido Crosetto

Regionali, Follini: “Tutti siano umili per sopravvivere a illusioni”

(Adnkronos) - "Dopo aver sconfitto Napoleone, il duca di Wellington si lasciò andare alla malinconia e annotò che nella vita non c’era niente di più triste dei sentimenti provati all’indomani di una battaglia vinta. A parte -s’intende- quelli ancora più tristi che si provavano all’indomani di una battaglia persa. Ora i nostri eroi, accampati di qua